Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero, differenziata flop: anche una stampante tra i rifiuti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero, differenziata flop: anche una stampante tra i rifiuti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Capodanno: “ Intervenga la Procura della Repubblica “

         “ Le strade di uno dei più bei quartieri di Napoli, centro commerciale di primaria importanza, terzo per presenze in Europa, sono ridotte a dei veri e propri letamai. Parliamo naturalmente del Vomero – esordisce Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Il degrado igienico-sanitario nel quartiere è elevatissimo e la situazione peggiora di giorno in giorno, con gravi ripercussioni anche di carattere sanitario. Tante le segnalazioni di strade invase da topi, blatte ed insetti di vario genere, peraltro portatori di germi potenzialmente pericolosi per l’uomo. Il caldo di questi giorni non fa che peggiorare questo stato di cose “.

            “ Esempio emblematico della gravità della situazione è via Solimena, all’angolo con via Merliani – precisa Capodanno -, diventata da tempo una vera e propria discarica a cielo aperto, dove incivili cittadini lasciano da sempre i loro rifiuti ingombranti. Quest’oggi oltre ai soliti imballaggi di cartone ed a pezzi di arredo, troneggiava in primo piano anche una stampante “.

            “ Anche in un recente passato numerose sono state le segnalazioni all’Asìa per risolvere  questo grave problema, favorito tra l’altro dalla presenza lungo il marciapiede dei contenitori per i rifiuti, ma a tutt’oggi esso  non è stato mai eliminato -  prosegue Capodanno -. Così come occorrerebbe vigilare per colpire con sanzioni ma anche con denunce questi incivili che invece di chiamare direttamente gli uffici competenti per il ritiro delle suppellettili non più utilizzabili o di conferirli ad un punto di raccolta, preferiscono nottetempo abbandonare gli ingombranti per strada, certi di farla franca “.          

    

Vista la palese incapacità a risolvere il problema, Capodanno chiede l’intervento della sezione reati contro l’ambiente della Procura della Repubblica partenopea perché accerti le responsabilità del degrado delle strade della collina, ridotte, in molti casi, a tante piccole discariche a cielo aperto.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)