Privacy Policy politicamentecorretto.com - Us Open,torna Federer

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Us Open,torna Federer

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


Lo svizzero sconfigge in tre sets Murray e si aggiudica lo slam americano dopo un deludente 2008.
Roger Federer ritorna alla vittoria battendo Andy Murray nella finale dell’ Open degli Stati Uniti. Il campione elvetico, per la prima volta in quattro anni ad un Grand Slam senza la corona di numero uno al mondo, ha nuovamente espresso il suo miglior tennis a Flushing Meadows centrando il quinto successo consecutivo. Con questo ennesimo titolo Federer uguaglia altre grandi leggende dell’ Open americano come Pete Sampras e Jimmy Connors, diventando il primo tennista in attività a raggiungere 5 trionfi di fila dai tempi di Bill Tilden nel lontano 1924.

Murray, che aveva giocato su grandi livelli in tutto il torneo, non è riuscito ad opporre resistenza allo strapotere di Federer nel primo set, conclusosi rapidamente in favore dello svizzero dopo soli 26’. Più equilibrato e combattuto il secondo parziale, con i due finalisti a giocare alla pari sino al dodicesimo gioco. È in questo momento che Re Roger risale sul trono di miglior giocatore al mondo sul cemento. Aumenta l’ aggressività del diritto e sfodera un gioco a rete da applausi che gli permette di guadagnare tre set point e la chiusura sul 7-5.
Lo scozzese, visibilmente stanco per la semifinale con Rafael Nadal, sembra accusare troppo lo svantaggio di due sets e abbassa il ritmo allo stesso modo in cui Federer eleva il suo. Il tennista di Basilea ricomincia così a giocare splendidamente, dominando sino al 6-2 che gli regala il trionfo e la standing ovation dell’ Artur Ashe Stadium.


Invia commento comment Commenti (0 inviato)