Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il Sinodo e le banalità pubblicate su un importante quotidiano

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il Sinodo e le banalità pubblicate su un importante quotidiano

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Come si fa a mettere assieme tante banalità? E come fa a pubblicarle un quotidiano importante come Avvenire? Come si fa a leggerle senza che vengano ettolitri di latte alle ginocchia? Costanza Miriano ha scritto una lettera ai Padri sinodali (avvenire del 5 settembre) e uno la legge, le lettera, e non sa se piangere o ridere. Ne trascrivo qualche passo, ma ne consiglio a tutti la lettura, altrimenti non potete rendervi conto della patetica comicità. Comincia così: “Cari Padri sinodali, sono una figlia della Chiesa e già vi dico che qualunque cosa farete per me sarà fatta bene, per principio. Sono anche una mamma, di quattro figli che stanno crescendo in un mondo entusiasmante – perché vivo e alla ricerca di Dio –, ma sempre più lontano dalla visione cristiana dell’uomo e della storia. Per questo, cari Padri, pensando ai figli miei e a tutti gli altri che crescono in questo tempo, vengo in ginocchio a dirvi che noi, mio marito, io, e tutti quelli che hanno a che fare con questa materia prima grezza e preziosissima che è la vita umana nei suoi primi anni, abbiamo disperato e urgente bisogno di voi”. Il mondo è entusiasmante perché vivo e alla ricerca di Dio, ma sempre più lontano da Dio... Si può?
Poi: “Abbiamo bisogno che voi, soprattutto voi, ci aiutiate a non seguire il “mondo senza padri” consegnatoci dallo scorso secolo, mentre i “saldi” che quella visione propone sono già finiti, mentre i suoi fallimenti sono sotto gli occhi di tutti. Oggi che i “prezzi” del vivere sociale si abbassano ancora di più, aiutate noi e i nostri figli ad alzare lo sguardo, a desiderare di più, a de– siderare, appunto, a guardare in alto, fino alle stelle”. Si può?
E poi: “Abbiamo bisogno di parole che parlino al nostro tempo e abbiamo bisogno che rimanga salda, ancor più che nei secoli precedenti, la roccia sulla quale abbiamo fondato tutto, una roccia di gioia e di sangue: la gioia del Vangelo di Gesù, il sangue dei veri martiri e dei piccoli martirii quotidiani... Si può?
E poi ancora: “Abbiamo bisogno di padri che corrano il rischio educativo, cioè il rischio che davanti a una proposta ardua qualcuno, in libertà, se ne vada. Perché di fronte alla libertà dei suoi figli Dio stesso si ferma, figuriamoci se non può farlo la Chiesa che pure è chiamata a essere in cammino, sempre, dietro al suo Signore. Abbiamo bisogno di qualcuno che dica. «Il tuo bene è questo, questa è la via della felicità, ma se tu vuoi prenderne un’altra sei libero». Dio stesso, Dio–Amore, ha più cara la nostra libertà che la nostra salvezza”. Ma che dice Costanza?
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (0 inviato)