Privacy Policy politicamentecorretto.com - Napoli: forum dell’associazionismo civico sul dopo De Magistris

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Napoli: forum dell’associazionismo civico sul dopo De Magistris

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Capodanno: “ Scendiamo in campo, sporchiamoci le mani”

 

 

         Nel corso del forum dell’associazionismo civico napoletano sul dopo De Magistris, che ha visto la partecipazione di numerose associazioni che da anni si battono per la difesa dei diritti dei cittadini, Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, ha sviluppato un articolato intervento incentrato su due tempi fondamentali.

         “ Innanzitutto – ha detto Capodanno – bisogna riorganizzare l’assetto amministrativo del capoluogo partenopeo, nell’ambito della città metropolitana, di recente costituzione, anche al fine di avvicinare i cittadini alle istituzioni, rivedendo pure i meccanismi della partecipazione popolare, al fine di renderne più incisiva l’azione. A mio avviso l’attuale territorio del Comune di Napoli va suddiviso in cinque comuni metropolitani, per territorio omogenei, con popolazione intorno ai 200mila abitanti, governati da una struttura snella, formata da un sindaco, da due assessori ed otto consiglieri, ciascuno “.

         “ Inoltre bisogna rendere più incisivo il ruolo delle associazioni civiche che devono scendere in campo nella prossima tornata elettorale con una propria formazione, “sporcandosi le mani” – ha chiosato Capodanno -. Sono anni  che facciamo battaglie ma i risultati ottenuti sono del tutto deludenti. Per incidere sull’azione della pubblica amministrazione bisogna stare dentro le istituzioni e non continuare solamente in questa sorta di ping pong nel quale le associazioni si limitano esclusivamente a denunciare le tante cose che a Napoli non vanno, rimandano la palla all’amministrazione comunale “.

         “ Peraltro – ha aggiunto Capodanno -, comunque bisogna andare a votare, come dovere di ciascun cittadino. E se poi dobbiamo scegliere candidati di liste o di partiti, sempre gli stessi, che hanno ridotto Napoli nelle condizioni attuali, è molto meglio indicare propri candidati che nel loro programma s’impegnino prioritariamente a portare avanti i problemi segnalati dai cittadini, attraverso i comitati e le associazioni e ad incentivare il rapporto costante tra eletti ed elettori per risalire la china “.

         Capodanno indica come nome della nuova lista lo slogan che è stato scelto per il forum: “Salviamo il salvabile”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie