Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vilipendio nei confronti del papa, un reato d'opinione. Appello al ministro Alfano

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vilipendio nei confronti del papa, un reato d'opinione. Appello al ministro Alfano

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Il nostro Codice Penale e' purtroppo ancora appesantito da troppi reati d'opinione, come il vilipendio nei confronti della bandiera o di un Capo di Stato e, grazie al concordato con il Vaticano, nei confronti del Papa. Di oggi la notizia che la procura di Roma chiedera' al ministro della Giustizia di procedere contro Sabina Guzzanti, indagata per vilipendio nei confronti del Papa, in relazione alle affermazioni fatte l'8 luglio scorso durante la manifestazione "No Cav Day" in piazza Navona.

"Non condivido cio' che dici, ma sarei disposto a dare la vita affinche' tu possa dirlo" diceva Voltaire. Questo principio dovrebbe essere alla base delle nostre leggi e della nostra convivenza: una cosa sono le opinioni e altro i reati. Questi ultimi devono essere puniti e sanzionati, ma le idee, anche le piu' raccappriccianti devono restare libere di circolare. La liberta' di pensiero e di espressione e' del resto l'unico vaccino in grado di difendere la democrazia da attacchi mortali.
Proprio in materia sto predisponendo un lungo elenco dei reati di opinione che potrebbero essere cancellati dal nostro codice penale, in alcuni casi potrebbe bastare il codice civile laddove ci sia un danno materiale dimostrabile.
Nell'immediato un appello al ministro della Giustizia Angelino Alfano: non conceda quell'autorizzazione alla Procura, le nostre carceri gia' esplodono, le nostre aule dei Tribunali e il sistema giustizia piu' in generale e' al collasso, evitiamo di perseguire reati che non dovrebbero esistere in una Paese libero, democratico, civile e senza la pura del diverso.


Di seguito le frasi incriminate, al link di RadioRadicale.it l'integrale:
http://www.radioradicale.it/scheda/257970/video-integrale-del-no-cav-day-a-piazza-navona-interventi-tra-gli-altri-di-travaglio-grillo-guzzanti-di-pi


Il Papa e la "menzogna" della Sapienza. "Il governo è caduto in buona parte anche grazie a Ratzinger, con quella porcheria della negata partecipazione a La Sapienza. La menzogna della censura a Ratzinger è stata sostenuta da tutti i media e i politici, salvo le solite, rilevanti eccezioni. Questo significa avere il controllo dei media, inventare una polemica che non sta né in cielo né in terra, perché non c'è motivo al mondo percui Ratzinger debbe inaugurare l'anno accademico delle nostre università".
"Grazie alla legge Moratti fra vent'anni gli insegnanti saranno scelti dal Vaticano, ma fra vent'anni Ratzinger sarà dove deve stare, cioè all'inferno, tormentato da diavoloni frocioni attivissimi, e non passivissimi. Non come i gay che hanno accettato di spostare il Gay Pride a Bologna perché a Roma, a San Giovanni, c'era un coro di preti. E 'sti cazzi, si direbbe in una repubblica democratica".

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)