Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il regalo di Dio e il suicidio

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il regalo di Dio e il suicidio

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Gentile direttore, mettiamo il caso che io generosamente le regalassi un prezioso dipinto in una bella cornice. Ovviamente, anche per gratitudine verso di me, lei avrebbe gran cura di simile dono. Passa il tempo, ed un giorno lei si rende conto che i tarli hanno fatto scempio completo della bella cornice: il legno si sfarina e cade a pezzi. Mettiamo anche il caso che lei non abbia la possibilità di cambiarla, e che faccia invano tutto il possibile per ripararla; che dice, le sembrerebbe mancanza di riguardo verso di me, amorevole donatrice, liberare il dipinto dall'ormai inutile telaio destinato inesorabilmente a diventare polvere? Penso proprio di no. Il dono più importante è salvo. Pazienza per la povera cornice diventata orribile, che lo teneva prigioniero, e che lei in qualche modo è costretto a gettare via. Ora immagini che il dipinto sia la vita eterna, e la cornice la vita terrena; e si renderà conto che l'affermazione ai credenti tanto cara, che la vita è «dono di Dio», non implica necessariamente che in determinate particolarissime  circostanze non possiamo disporre della parte terrena di essa. Io donatrice amorevole, buona, comprensiva e intelligente, non mi offenderei; figuriamoci il buon Dio! Un'offesa invece sarebbe per me se lei deliberatamente sciupasse la cornice, o se ne disfacesse pur non essendo essa irrimediabilmente rovinata; e peggio sarebbe, se lei non tenesse nel massimo conto il dipinto, il vero dono.

Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data elisa merlo, 09 Novembre, 2014 17:02:44
    Che domanda ingenua! Da quando in qua ci rivolgiamo a Dio e non al medico quando siamo gravemente malati? E' chi fa la chemioterapia, chi ci opera al cervello?
  • Inviato in data angela, 08 Novembre, 2014 19:52:33
    a chi aspetta il giudizio di decidere se la cornice è irrimediabilmente rovinata? a noi o a dio?