Privacy Policy politicamentecorretto.com - Gelmini ‘la macellaia’ domani alla Camera sui tagli alle scuole

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Gelmini ‘la macellaia’ domani alla Camera sui tagli alle scuole

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Il deputato Franco Laratta (pd) e 50 parlamentari

del Pd-Uc-Idv portano in Aula il ministro dell’Istruzione

 

Cìnquanta parlamentari dell’opposizione (quasi tutti Pd più alcuni dell’Udc e di Idv) hanno costretto con una interpellanza urgente il ministro Gelmini a  rispondere in Aula di  Montecitorio  sui problemi della Scuola italiana. L’on Franco Laratta il primo firmatario, parte dal caso limite dell’Università della Calabria che, nonostante sia un polo di eccellenza della cultura e della formazione in Italia, viene fortemente penalizzata dal Dl 112, per poi arrivare alla perdita di decine di miglia di posti di lavoro nel corpo docente e non docente, alla vicenda del maestro unico e al licenziamento dei precari della scuola.

I parlamentari intendono sapere cosa sta succedendo alla Scuola italiana, quale sia il progetto del  ministro Gelmini, se è a conoscenza delle conseguenze sugli studenti, sulle famiglie, sui docenti che stanno provocando i suoi provvedimenti.

In particolare i 50 deputati vogliono sapere dal ministro dell’Istruzione le ragioni dei tagli di 87 mila docenti e 40 mila non docenti, della soppressione di centinaia di scuole dell’obbligo nei piccoli comuni, dell’accorpamento di centinaia di scuole dell’obbligo, della perdita del lavoro per migliaia di precari.

Per l’on. Franco Laratta: ‘Il ministro Gelmini, pur essendo una donna bella ed elegante, si muove come un macellaio, facendo a pezzi la scuola italiana, che esce distrutta da una cura forsennata di tagli, privazioni, cancellazioni e soppressioni senza alcuna logica.  Soprattutto nel sud dove secondo uno studio di Legambiente “in Calabria potrebbero chiudere i battenti il 92,5% delle materne e il 70% delle elementari, visto che su 989 scuole di primo grado ben 680 sono plessi sottodimensionati”.

A questo punto, secondo l’on.Laratta, la domanda fondamentale diventa: “Qual è il progetto del Governo sulla scuola italiana? Cosa intende farne? Per raggiungere quali obiettivi?”

L’interpellanza dei cinquanta parlamentari sarà illustrata giovedì 18 settembre dalle ore 15 in poi nell’Aula di Montecitorio

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data Elena, 19 Settembre, 2008 20:01:58
    Da docente di scuola media mi schiero fermamente contro i tagli alle scuole del Ministro Gelmini. e' uno scandalo che va fermato! non si posssono cancellare cosi' delle CATEGORIE di lavoratori, senza farsi il minimo scrupolo! e non e' finita qui: dopo i tagli alle elementari, il prossimo anno tocchera' a medie e superiori, con una tale crudelta' che nessuno avrebbe immaginato. Noi docenti ci stiamo mobilitando, ma anche i mass media facciano la loro parte per favore!!
  • Inviato in data Adolfo, 18 Settembre, 2008 10:37:25
    Caro on. Laratta, Vi ringrazio come padre dell'interessamento alla scuola italiana. Evidentemente a Berlusconi ed il suo Governo non sono interessati alle scuole pubbliche, loro hanno isoldi per mandare i figli a quelle private, i problemi sono i nostri che non riusciamo ad arrivare a fine mese e vorremmo il meglio per i nostri figli, meglio che non è possibile se tagliamo i fondi alle scuole. Continui nella lotta e grazie ancora. Adolfo