Privacy Policy politicamentecorretto.com - La storia della Società Operaia di Massafra in un libro

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La storia della Società Operaia di Massafra in un libro

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

A coronamento delle attività intraprese per il 150° anniversario della Società Operaia di Massafra, sabato 10 gennaio alle 18.00, presso la sede sociale verrà presentato il libro che ne ripercorre la storia. Il titolo è proprio “SOCIETA’ OPERAIA Mutuo Soccorso MASSAFRA – 150° Anniversario della fondazione 1864-2014”.

Il volume, a cura dei soci Nicola Fabio Assi, Alessio Barulli (vice presidente) e Luigi Consoli (segretario), è stato stampato da Grafiche Max e reca in copertina l’illustrazione di Annalisa Manfredi giù utilizzata per il manifesto delle celebrazioni. Esso è suddiviso in due sezioni: nella prima, corredata da una selezione fotografica dell’ultimo anno, sono enucleate le principali iniziative succedutesi dal 1964 ad oggi; la seconda, preceduta da un preambolo del dott. Gianni Iacovelli, contiene la ristampa anastatica del testo Momenti e figure della Società Operaia di Massafra, nel centenario della fondazione datato 1965 ed opera di Espedito Iacovelli (che ricoprì la carica di presidente del Sodalizio dal 1945 al 1982).

L’intento della pubblicazione, come si evince dall’introduzione scritta dall’attuale presidentessa Paolina Antonacci, è testimoniare la longevità della Società Operaia di Massafra, una qualità che le altre realtà associative della Tebaide non possono annoverare.

La fondazione della Società massafrese avvenne nel 1864 per volontà dell’avv. Angelo Casulli, ed il primo nucleo dei soci era costituito da un gruppo eterogeneo di professionisti, esponenti delle classi dirigenti, artigiani e manovali. Erano gli anni dell’appena consacrata Unità d’Italia, i quali segnarono l’inizio di un lungo percorso che portò la Società Operaia ad essere un punto di riferimento, anche come memoria storica, per l’intera comunità, infatti “la consapevolezza delle proprie origini è un presupposto imprescindibile per avere piena coscienza di sé e per affrontare il futuro”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)