Privacy Policy politicamentecorretto.com - Riaperto il cinema del Vomero: il cinema-teatro Acacia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Riaperto il cinema del Vomero: il cinema-teatro Acacia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Capodanno: “ Finalmente una buona notizia per i vomeresi “

 

            “ Il 2 gennaio scorso il cinema-teatro Acacia al Vomero, una delle più antiche sale del quartiere, costruita alla fine degli anni ’40, è tornato ai vecchi splendori – annuncia soddisfatto Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Finalmente non dobbiamo parlare di una sala cinematografia che viene trasformata in istituto di credito o in un supermercato, come avvenuto nella storia recente del quartiere, ma di un cinema-teatro che ritorna ad essere cinema “.

 

“ La soddisfazione nasce anche dal recupero di una tradizione nel settore dello spettacolo. Il Vomero - ricorda Capodanno – viene, infatti, a giusta ragione, considerato la “cinecittà di Napoli” visto che agli inizi del novecento proprio nel quartiere collinare si trovavano due stabilimenti di produzione cinematografica. La “Partenope film” fondata nel 1910 da Roberto Troncore in via Solimena e la “Lombardo Film” , rilevata da Gustavo Lombardo e da cui sarebbe poi nata la “Titanus”, in via Cimarosa 186. Poi proliferarono le sale cinematografiche a partire dalla prima, l’Ideal, che sorse in via Scarlatti nel 1913. Oggi al posto di questa bellissima sala, che i vecchi vomeresi ricordano ancora, vi è un orrido megastore su quattro piani, realizzato con sbancamenti e sopraelevazioni. L’anno prossimo in questi locali dovrebbe essere realizzato uno dei tanti negozi della catena spagnola Zara “.

 

“ Agli inizi degli anni ’60 al Vomero si contavano ben dieci sale cinematografiche – continua Capodanno -. Di queste negli ultimi anni hanno chiuso i battenti ben oltre la metà. Accanto al già ricordato cinema Ideal, sono scomparsi l’Ariston in via Morghen, sostituito da una banca, il Colibrì in via de Mura, sostituito da un club fitness, il Bernini, sostituito da un negozio di abbigliamento per bambini, l’Abadir, già Orchidea, in via Paisiello dove è nato l’ennesimo supermercato e, ultimo in ordine di tempo, un anno fa il cinema Arcobaleno in via Carelli “.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie