Privacy Policy politicamentecorretto.com - Contro la ministra Gelmini: "lei è una macellaia che sta ammazzando la scuola italiana"!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Contro la ministra Gelmini: "lei è una macellaia che sta ammazzando la scuola italiana"!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

L'on. Laratta ha illustrato stamane alla Camera l'interpellanza urgente  firmata da circa 50 deputati di Pd, Udc e Idv sullo stato della scuola italiana, sui tagli del DL 112, sulla situazione dell'Università italiana con particolare riferimento all'Universita della Calabria  alla quale sono state tagliate risorse per oltre 100 milioni di euro, mettendo in ginocchio uno dei punti di eccellenza del sistema universitario nazionale.

L'on. Laratta ha parlato di 87mila licenziamenti nel corpo docente e di 40 mila fra i dipendenti amministrativi, del rischio chiusura per 7 scuole elementari su 10 e del 90% delle scuole materne nei piccoli comuni.

Il deputato del Pd ha poi accusato la Gelmini "di non avere un progetto sulla scuola, di guardare solo ad un modello antico di scuola fatta di grembiulini, voti in condotta e maestro unico che ormai non funziona più".

L'on. Laratta ha poi citato Giovanni Falcone quando a proposito di una domanda di un giornalista che gli chiedeva se fosse d'accordo sull'utilizzo dell'esercito nelle città meridionali, rispose : "si, sono d'accordo, ma su un esercito di maestri e di docenti".

Per Laratta, inoltre,  è gravissimo che davanti a Cinquanta parlamentari dell'opposizione  che hanno chiesto di discutere dello stato della scuola italiana in parlamento, la ministra Gelmini non si sia presentata  in Aula. Un atteggiamento inqualificabile, di chi si è dato alla fuga.se aveva altri impegni si poteva aggiornare la discussione ad altra data invece di mandare un sottosegretario, Pizza, che balbettando, ha parlato di cose scontate e di impegni generici senza dire nulla sulla drammaticità in cui versa la scuola italiana"

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data maria grazia, 23 Settembre, 2008 16:14:09
    Andiamo malissimo!io sono precaria... ho lavorato tre anni in universita\' e non mi hanno stabilizzata a dicembre la causa....la direttiva 7 di nicolais diceva che dopo 3 anni dovevamo essre stabilizzati e adesso fanno le leggi contro......COME SI DEVE COMPORTARE UN GIUDICE?. Aspetto l\'inserimento in terza fascia ATA e chissa\' quando se ne parla sono a casa senza un lavoro e la ministra taglia taglia taglia!!!!!!!!!!FATE QUALCOSA VI PREGO!!!!!!!!!!!PERCHE NON PROVA A TAGLIARE I STIPENDI LORO, E AUMENTARLI A NOI POVERA GENTE (QUANDO LAVORIAMO)......... POVERA ITALIA & POVERI NOI