Privacy Policy politicamentecorretto.com - ANCHE I MEDICI CONTRO BRUNETTA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ANCHE I MEDICI CONTRO BRUNETTA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

BIASOLI pres.del CIMO-ASMD .Coordinamento Italiano dei Medici Ospedalieri - Associazione Sindacale dei Medici Dirigenti

Da Brunetta parole indegne


Biasioli: il ministro è un provocatore e le sue dichiarazioni sui chirurghi macellai ci costringono a utilizzare toni forti
Dai fannulloni siamo passati ai malaticci e adesso ai macellai. Tutte espressioni inusuali e non degne di un ministro della Repubblica, almeno della Repubblica che c'è stata consegnata da Einaudi". E' il commento di Stefano Biasioli, presidente nazionale della Cimo-Asmd, alle dichiarazioni di ieri del ministro per la Pubblica amministrazione e innovazione, Renato Brunetta, che ha espresso la volontà di voler pubblicare online i curricula dei chirurghi, a partire dal 2009. Una proposta che, nelle intenzioni del ministro, dovrebbe ridurre i rischi per i pazienti di finire in 'mani sbagliate'. "Brunetta - sottolinea in una nota Biasioli - si interessa dei curricula dei chirurghi, ma non ha fatto nulla per modificare i meccanismi di assunzione, oggi opachi, mentre dovrebbero essere garantiti da concorsi trasparenti come l'acqua di sorgente. Brunetta - aggiunge il numero uno della Cimo - è un provocatore che fa danni. Lo sanno quei 1.000 primari che, avendo 40 anni di contributi, hanno ricevuto 1.000 lettere di licenziamento, pur avendo solo 60 anni. Lo sa bene quel primario che per una polmonite di 10 giorni, contratta in servizio, ha dovuto pagare sull'unghia 1.900 euro, per colpa della legge 133". L'affondo nei confronti del ministro non si esaurisce qui. "Brunetta - afferma il leader della Cimo - ha la responsabilità di quella legge, che ha tolto la certezza del riposo diurno anche ai chirurghi che hanno operato durante la notte. Non auguriamo né a lui né a nessun cittadino italiano - conclude Biasioli - di essere operato alle due del pomeriggio da un luminare della chirurgia, che abbia operato durante la notte e poi sia tornato di nuovo al mattino in sala operatoria".
 

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data siro, 21 Settembre, 2008 20:56:49
    MALGOVERNO NELLA P:A:in quel di Castelraimondo serve maggiore vigilanza e controllo sul territorio.Dal febbraio 2002 l’amministrazione comunale tiene,illegittimamente demansionato,estromesso,eliminato dall’ufficio il comandante dei vv.uu;(uno dei quattro dipendenti comunali laureati,di ottima condotta morale e civile,incensurato,senza alcun procedimento penale o giudiziario a carico),sostanzialmente senza fare quasi niente,a spese del contribuente.(Vedere sentenza immediatamente esecutiva,in internet,alla voce DEMANSIONAMENTO CAMERINO)