Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Una visita che nasce dalla volontà di rafforzare l’Europa”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Una visita che nasce dalla volontà di rafforzare l’Europa”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

La Presidente dell’Intergruppo parlamentare a margine dell'incontro di Mattarella a Berlino

 

“Il primo Paese estero visitato dal Presidente Mattarella è la Germania. Si tratta di una scelta significativa e non casuale, che nasce dalla volontà di rafforzare ulteriormente l’Unione Europea, in un momento di crisi di valori e di rinascita dei populismi. Come Intergruppo Parlamentare di amicizia italo-tedesco esprimiamo grande apprezzamento per la visita in Germania del Presidente Mattarella e per le sue parole che auspicano un cambio di passo all’interno dell’Unione Europea, dove serve più crescita e maggiore integrazione”. Lo afferma Laura Garavini, Presidente dell’Intergruppo Parlamentare di amicizia Italia-Germania, a margine di un incontro a Berlino con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella.

 

“L’Italia e la Germania entrambe hanno fatto insieme la storia dell’Unione Europea. Le rispettive industrie sono le più sviluppate del continente. Tuttavia, negli ultimi anni le relazioni fra i due Paesi, soprattutto a livello di opinione pubblica, si sono alquanto deteriorate e sono riemerse vecchie diffidenze e stereotipi negativi. E’ un grande piacere, dunque, vedere il Capo dello Stato fornire il suo autorevole contributo per rilanciare un’intesa fra le due nazioni. Un’intesa necessaria per dare una nuova spinta all’Europa”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)