Privacy Policy politicamentecorretto.com - VERGOGNA POLITICA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

VERGOGNA POLITICA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 
 
Ho appreso con tristezza ed amarezza la notizia del Senato della Repubblica, l'Italia si trova al 69° posto nella classifica dei paesi con Corruzione, la corruzione è un cancro non solo per la società e per i cittadini, ma anche per gli stessi imprenditori, danneggia gli investimenti, il nostro Paese non può accettare un governo che non si impegni a lottare contro la corruzione, l'Italia deve migliorare l'immagine nella lotta alla corruzione, figuriamoci che la Spagna si colloca al 32° posto, vale a dire, che esiste meno corruzione in Spagna. Mi auguro che il Senato rifletta e pensi a un'Italia senza corrotti, si veda l'esempio della Danimarca e la Nuova Zelanda, che sono i due Paesi senza corruzione, secondo i dati internazionale, si collocano ai primi posti della classifica.
 
E' una vergogna lo slittamento in Senato di due settimane fino al periodo 17 - 19 marzo, l'approdo in aula del disegno di legge sulla corruzione, il Governo e il Partito Democratico, dovrà spiegare al Popolo la modifica riformulata inviata alla commissione Giustizia della Camera, che a quanto sembra, sarebbe la causa della spaccatura della maggioranza sulla legge corruzione, e mi chiedo, dov'è la parola del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, che diceva lotta alla corruzione?, dove sono le parole che si urlava all'interno del Partito Democratico chi è corrotto deve pagare?. Speriamo che l'Italia non torni indietro, ma soprattutto, speriamo che la classe politica ne rifletta.
 
Alberto Calle - Collaboratore di Sintesi Dialettica e Redattore di Politicamente Corretto ( Italia )

Invia commento comment Commenti (0 inviato)