Privacy Policy politicamentecorretto.com - Napoli, via Tino di Camaino, marciapiede transennato

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Napoli, via Tino di Camaino, marciapiede transennato

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Sempre più disastrose le condizioni delle strade sulla collina

 

 

         “ Al Vomero sono sempre di più le strade e le carreggiate afflitte da problemi legati alla carenza di manutenzione – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari nonché fondatore su Facebook del gruppo “Buche partenopee, vedi Napoli e poi…cadi“, al link http://www.facebook.com/group.php?gid=118555458162699 , gruppo che conta già oltre 3.200 iscritti, e dove pervengono quotidianamente segnalazioni dei tanti dissesti presenti sulle strade del capoluogo napoletano -. Purtroppo la situazione peggiora di giorno in giorno, laddove l’annoso problema riguarda anche altri quartieri della città “.

 

         “ Emblema di questo stato di cose – puntualizza Capodanno – è un transennamento presente da alcune settimane su un marciapiede di via Tino di Camaino, all’altezza del civico 4, determinato da un avvallamento sulla sede stradale. Un transennamento che, essendo esteso a quasi tutta l’ampiezza del marciapiede, costringe i pedoni a transitare lungo la carreggiata con possibili conseguenze immaginabili “.

 

         Capodanno indirizza l’ennesimo appello all’amministrazione comunale partenopea, affinché si provveda in tempi rapidi, attraverso le ditte incaricate, ad eliminare tutti gli avvallamenti e le buche,  sia sui marciapiedi  sia sulle carreggiate, che possano costituire, peraltro, un pericolo per i pedoni e per gli occupanti degli automezzi.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie