Privacy Policy politicamentecorretto.com - L"era berlusconiana vista nell'ultimo romazo di Melania Mazzucco:"Un giorno perfetto"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L"era berlusconiana vista nell'ultimo romazo di Melania Mazzucco:"Un giorno perfetto"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Un fermo immagine che rivela la profonda disperazione della società italiana nell’era berlusconiana. Questo è “Un giorno perfetto”, l’ultimo romanzo di Melania Mazzucco. “Nei momenti peggiori la letteratura ci ha sempre salvato”, sostiene la scrittrice, che a novembre presenzierà alla Fiera di Guadalajara (Messico), dove l’Italia è il paese ospite.

Melania Mazzucco (Roma, 1966) vive di fronte alle mura Vaticane, “per essere cosciente ogni giorno che Roma ha al suo interno un’altra città”.

La capitale italiana è la protagonista del suo romanzo “Un giorno perfetto”, titolo di ispirazione salingeriana, ma ispirato a una canzone di Lou Reed, pubblicata ora da Anagrama in spagnolo, con la traduzione di Xavier González Rovira.

L’autrice di “Lei così amata” (Rizzoli), romanzo biografico sulla scrittrice e viaggiatrice Annemarie Schwarzenbach, e di “Vita” (Rizzoli) affascinante saga dell’emigrazione italiana in America con cui ha vinto il Premio Strega nel 2003, con il suo ultimo romanzo si trasferisce nel presente, per tracciare un vivido e doloroso ritratto corale che serve a descrivere e a denunciare i vizi, le mancanze e le carenze che affliggono la demoralizzata società italiana.

Anche se è una frase di George W. Bush quella che dà un tono al romanzo nella prima pagina: “La famiglia è il luogo in cui risiedono le speranze del nostro paese, il luogo in cui i sogni mettono le ali”.

In solo 24 ore in giro per Roma, un paradiso meticcio, fatto di monumenti, simpatia, fascino, falsità e immoralità, la Mazzucco analizza i membri di due famiglie di classi sociali molto diverse, quella del senatore Elio Fioravanti e quella della sua scorta, il poliziotto Antonio Buonocore, unite da un processo simile di demolizione imminente.

Il romanzo è tanto nero quanto verosimile, e saccheggia quasi tutti i miti e tabù di Berluscolandia, spogliandoli: la famiglia come nucleo marcio e scenario in cui accadono i reati più abbietti; il machismo e l’omofobia come valori supremi; la crescente disillusione dei giovani. E come scenario di fondo, la corruzione e il razzismo, l’oppressiva ipocrisia cattolica, il potere paralizzante della politica e della televisione.

La presenza di Roma come metafora dell’Italia attuale è continua nel libro. Pagina 110: “Questa proliferazione di gabbiani in una città senza mare gli sembrava un’assurdità inspiegabile. Ma forse era un segno dei tempi: i gabbiani sono parassiti e vivono di immondizia. Roma li ha accolti. Roma accoglie tutti. E non perdona nessuno”.

Dopo aver venduto 300.000 copie “Un giorno perfetto” è stato portato al cinema da Ferzan Ozpetek, e presentato all’ultimo Festival di Venezia. La Mazzucco sarà presto a Barcellona e poi alla Fiera di Guadalajara (Messico) dove quest’anno la letteratura italiana è l’invitata speciale, dal 27 novembre al 7 dicembre.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data giancarlo martelli, 08 Gennaio, 2009 15:10:53
    Profonda condivisione per come è vista la nostra società :credo che a Melania Mazzucco ppotrebbero interessare alcuni miei quadri in cui rappresento da quakche anno L'Uomo di carta" cioà l'uomo contenoiraneo fragile,che si può bruciare facilmente,che si piega con grande facilità,che vive di carta stampata.Non ho mai,però,dipinto Donnedi carta ,perchè le donnoe di oggi sono(al confronto degli uomini)fatte di acciaio.Un vecchi pittore e medico a Melania Mazzucco.