Privacy Policy politicamentecorretto.com - Rebuzzi (FI): "La politica che non riforma se stessa"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Rebuzzi (FI): "La politica che non riforma se stessa"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

"Stavamo meglio quando si stava peggio, si perdoni la retorica"
 

Mentre l'Europa continua a mostrarsi scettica sulla nostra capacità di risanare il debito pubblico, e  Almunia  parla apertamente di una Finanziaria poco ambiziosa, il governo, alla ricerca del consenso perduto, fa prove di dialogo con i giovani, pur non amandoli, come si evince dal lapsus freudiano sui " bamboccioni".
 
Il contentino sugli affitti non può certo risolvere i problemi dei trentenni costretti a barcamenarsi nei mille rivoli dei bisogni, annegando nei costi triplicati di un mercato impazzito. Chi non è figlio di gente benestante non è in grado di farcela da solo, e non perchè non senta il desiderio di autonomia, ma perchè oggi senza l'appoggio della famiglia nessun lavoratore dipendente riesce a costruirsi un futuro.
 
Stavamo meglio quando si stava peggio, si perdoni la retorica; in un' Italia più povera, è stato possibile a molti comprare casa, ottenere un mutuo sostenibile, riuscire a pagare le tasse, programmare le vacanze con moglie e figli. L'Italia più ricca aumenta il disagio sociale e gli squilibri economici. E' un paradosso? O è la conseguenza di decisioni sbagliate e particolaristiche?
 
Fare dietrologia, partendo dal dissennato cambio lira-euro non serve a trovare nuove risorse: serve molto di più aumentare gli stipendi dei lavoratori dipendenti e diminuire quelli dei troppi pseudomanager o nullafacenti. Senza dimenticarci di ridurre anche tutti i costi della politica. Questo è lo scandalo del nostro Paese: che la politica non sappia riformare se stessa.
 
I parlamentari del centrodestra sono pronti a fissare nuove regole e abolire i privilegi, sin da questa legislatura. I cittadini chiedono cambiamenti ma questo governo non può dare risposte coerenti, squassato com'è dalle contraddizioni interne.
 
Occorre rimettere a posto quello che non funziona, lavorando sodo in una coalizione il più possibile omogenea e autorevole: occorre tornare al governo e ricominciare da dove siamo stati interrotti.
 
Antonella Rebuzzi
 
 
Ufficio Stampa Sen.Antonella Rebuzzi
senatrice@italiachiamaitalia

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)