Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sul caso Di Girolamo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sul caso Di Girolamo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Fortuna vuole che qualcuno ha avuto il coraggio di denunciare le sue dichiarazioni verosimiglianti circa la sua residenza all’estero e della “resistenza” del signor Di Girolamo se ne è parlato parecchio. Non posso aggiungere altro a quanto già scritto circa la sua “morale”, circa la sua “baldanza”, circa il suo “coraggio” di presentarsi come candidato pur sapendo che i suoi margini di manovra erano ristretto. Diciamo che ci ha provato, poteva anche andargli bene. Vorrei soltanto fare una riflessione: lui perfetto “sconosciuto” è riuscito a farsi eleggere, sorpassando un candidato (la signora Rebuzzi) che aveva già un’esperienza parlamentare di due anni. Perché? Perché ha inviato due milioni di lettere di presentazione? È una ipotesi, che però fa il paio con un’altra: che noi italiani all’estero con diritto di voto abbiamo avuto poche scelte: questi erano i candidati, e non tutti nella passata legislatura avevano lavorato bene (ma avevano lavorato?). Per cui molti italiani hanno provato a scegliere il “nuovo” a scapito di quell’ “usato”, che “sicuro” non era (mi riferisco alla Rebuzzi e a Romagnoli, due illustri trombati). Ed ecco spuntare il signor Di Girolamo, il quale deve aver investito parecchi soldini per farsi eleggere. E allora un’altra considerazione: chi vuol partecipare alla campagna per le elezioni all’estero deve avere un congruo libretto bancario. Dal che la domanda siamo tutti eleggibili? Non so.


 
 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Carmine Gonnella , 04 Ottobre, 2008 15:53:42
    Carissimo Sergio La sai l’ultima ? Te la dico: “ se tu ti fossi presentato in uno dei partiti in voga e avessi mandato non un milione ma diciamo cento mila lettere...saresti in parlamento “ Ti dico altro ( tanto per stimolarti ancora di piu’ ) Le vere lotte si fanno fuori del parlamento, con il libero pensiero ...