Privacy Policy politicamentecorretto.com - IL PIANO DI MICHAEL MOORE PER RISOLVERE IL CAOS DI WALL STREET

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

IL PIANO DI MICHAEL MOORE PER RISOLVERE IL CAOS DI WALL STREET

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

I 400 americani più ricchi – sì, proprio così, sono solo 400 persone –
posseggono di più dei 150 milioni di americani dei ceti più bassi messi
insieme. 400 ricconi posseggono più beni nascosti di metà della nazione!
 La
somma netta totale dei loro averi è pari a 1.6 trilione di dollari. Durante
gli otto anni dell’amministrazione Bush, si sono arricchiti di quasi 700
miliardi di dollari – la stessa cifra che ci stanno chiedendo di dargli per
tirarli fuori dai guai. Perché non usano i soldi che si sono fatti sotto Bush
per uscirne? Resterebbe loro circa un trilione di dollari da suddividersi!

Ovviamente non lo faranno – perlomeno non di propria volontà. A George Bush
erano stati consegnati 127 miliardi di dollari quando Bill Clinton lasciò la
presidenza. Siccome quei soldi erano NOSTRI soldi, e non suoi, lui ne fece
quello che piace fare ai ricchi – spenderli e non pensarci più. Adesso
abbiamo un deficit di 9.5 trilioni di dollari, perché mai dovremmo anche solo
pensare di dare a questi ladri patentati altri soldi nostri?

Io vorrei proporre un nuovo piano di cosiddetto “salvataggio”. I miei
suggerimenti, elencati qui sotto, vengono da una semplice ed unica
considerazione, che i ricchi devono salvarsi da soli il loro culo di platino.
My spiace amici, ma ci avete trapanato in testa una volta di troppo che: Non…
si… mangia… a… sbafo. E grazie per averci incoraggiato ad odiare i poveracci
della previdenza sociale, così non daremo niente neanche a voi. Questa sera
all Senato cercheranno di far passare in tutta fretta un loro progetto di
“salvataggio”. Dobbiamo fermarli a tutti i costi! Lo abbiamo fatto lunedì
alla Camera, e lo possiamo rifare oggi al Senato.

È però chiaro che non possiamo semplicemente continuare a protestare senza
proporre esattamente quello che pensiamo che il Congresso debba fare, per
cui, dopo varie consultazioni con persone più in gamba perfino di Phil Gramm,
eccovi le mie proposte, ora conosciute col nome di “Il Piano di Salvataggio
di Mike”. E’ composto da 10 punti semplici e diretti:
1. NOMINARE UN PUBBLICO MINISTERO PER INCRIMINARE CHIUNQUE A WALL STREET
ABBIA COSCIENTEMENTE CONTRIBUITO A QUESTO COLLASSO.
2. I RICCHI DEVONO PAGARE PER TIRARSI FUORI DAI LORO STESSI GUAI.
3. SALVIAMO LA GENTE CHE STA PERDENDO LA CASA, NON QUELLI CHE COSTRUIREBBERO
LA LORO OTTAVA CASA.

4. SE LA VOSTRA BANCA, O LA VOSTRA DITTA RICEVE SOLDI NOSTRI IN UN
“SALVATAGGIO”, ALLORA VOI CI APPARTENETE.
5. TUTTE LE REGOLE DEVONO ESSERE RISTABILITE. LA RIVOLUZIONE DI REAGAN E’
MORTA.
6. SE E’ TROPPO GRANDE PER FALLIRE, ALLORA SIGNIFICA CHE E’ TROPPO GRANDE PER
ESISTERE.
7. NESSUN DIRIGENTE DOVREBBE ESSERE PAGATO PIÙ DI 40 VOLTE I PROPRI
IMPIEGATI, E NESSUN DIRIGENTE DOVREBBE RICEVERE ALCUN TIPO DI “PARACADUTE”,
MA ACCONTENTARSI DEL GENEROSISSIMO SALARIO CHE LUI/LEI HANNO RICEVUTO DURANTE
IL LAVORO CON LA DITTA.
8. RAFFORZARE LA FDIC (Federal Deposit Insurance Corporation) E FARNE UN
MODELLO PER PROTEGGERE NON SOLO I RISPARMIATORI, MA ANCHE LE LORO PENSIONI E
LE LORO CASE.

9. ABBIAMO TUTTI BISOGNO DI FARE UN RESPIRO PROFONDO, CALMARCI E NON LASCIARE
CHE LA PAURA CI ATTANAGLI.
10. CREARE UNA BANCA NAZIONALE, UNA “BANCA DEL POPOLO”.

Se poi fremiamo per stampare un trilione di dollari, invece di darli a pochi
ricconi, perché non ce li diamo a noi stessi? Adesso che Freddie and Fannie
ci appartengono, perché non fondare una banca del popolo? Una banca che offra
prestiti a basso costo per chiunque voglia comprarsi una casa, avviare un’attività,
andare a scuola, trovare la cura per il cancro o creare la prossima grande
invenzione. E adesso che anche AIG ci appartiene, la più grande compagnia di
assicurazioni del paese, facciamo il prossimo passo e forniamo un’assicurazione
sanitaria a tutti. Cure mediche per tutti. Ci risparmierebbe tantissimi soldi
in futuro. E non saremo più dodicesimi nella lista dell’aspettativa di vita.
Avremo una vita più lunga, godremo delle nostre pensioni protette dal
Vostro Michael Moore

Fonte: http://www.michaelmoore.com/ 2.10.08

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)