Privacy Policy politicamentecorretto.com - UNA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE EXTRACOMUNITARI: NO ALL’ESPULSIONE PER FATTI GENERICI.

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

UNA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE EXTRACOMUNITARI: NO ALL’ESPULSIONE PER FATTI GENERICI.

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Comune  di  Palermo
Settore Servizi Socio-Assistenziali
“CENTRO STUDI E DOCUMENTAZIONE SULLE MIGRAZIONI”
Vicolo della Neve all’Alloro
Telef. 091 6161864  fax 091 6164918 – 091 6169221
 

Con sentenza n. 25743 del 17 luglio scorso la prima sezione penale della Corte di Cassazione ha stabilito che gli stranieri che risiedono formalmente in Italia non possono essere espulsi per cattiva condotta morale sulla base di fatti generici fondati su generiche informazioni della polizia.
Accogliendo il ricorso di un cittadino straniero, la Suprema Corte ha annullato con rinvio per un nuovo esame l’ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Bari che aveva confermato l’espulsione, affermando che “ in presenza di una domanda di riabilitazione avanzata da un soggetto straniero che, pur essendo formalmente residente in territorio nazionale, sia stato espulso, ai fini della valutazione del requisito della buona condotta, spetta al giudice acquisire, attraverso i canali istituzionali, ogni informazione utile sulla condotta tenuta dal cittadino extracomunitario dopo la condanna durante il periodo di tempo di permanenza in Italia; con riguardo al periodo di dimora all’estero, spetta, invece, allo stesso istante fornire, nel termine fissato dal giudice, la documentazione idonea a consentire la decisione sul merito”.
Inoltre, “ le informazioni delle autorità di polizia, per essere validamente poste a base della decisione, non possono essere generiche o limitarsi ad affermazioni apodittiche, ma debbono riferire fatti specifici e concreti relativi alla condotta del condannato, non potendosi  fondare il diniego di riabilitazione sul soggettivo convincimento di coloro che forniscono le informazioni”.
(Corte di Cassazione, I sezione penale, sentenza n. 25743 del 17 luglio 2008).

 

r.mazzarella@comune.palermo.it
centrostudi.migrazioni@comune.palermo.it

 

 

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)