Privacy Policy politicamentecorretto.com - LINGUA ITALIANA IN ARGENTINA. PASSIONE E OPPORTUNITÀ PROFESSIONALE CON LA DANTE ALIGHIERI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LINGUA ITALIANA IN ARGENTINA. PASSIONE E OPPORTUNITÀ PROFESSIONALE CON LA DANTE ALIGHIERI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  
 

L’Italia è il Paese dell’arte e della cultura



"In questi ultimi anni la domanda di lingua e cultura italiane non è cresciuta solo in Argentina, ma in tutto il mondo. I motivi sono vari: l’Italia è il Paese dell’arte e della cultura, l’italiano è la lingua madre di genitori e nonni, l’utilità della Certificazione PLIDA per trovare lavoro, frequentare corsi specifici e inserirsi nelle università italiane. L’Italia affascina in toto i giovani argentini, dalla musica lirica al cinema, dal paesaggio alla storia dell’arte, allo sport. Spesso sono proprio i miei alunni a scegliere gli argomenti di discussione delle mie lezioni in base agli eventi che accadono in Italia". Così Laura Beatrice Grassi, tesoriera del Comitato della Società Dante Alighieri di La Rioja, che quest’anno festeggia i 50 anni della propria fondazione, spiega il successo della lingua italiana in Argentina, Paese in cui sempre più studenti, adulti e bambini, si accostano all’idioma di Dante.
Durante la sua recente visita in Palazzo Firenze, a Roma, sede centrale della Società Dante Alighieri, la Grassi ha anche messo in risalto il valore didattico e formativo acquisito dalla Dante in Argentina, "un vero e proprio punto di riferimento per la qualità degli insegnanti e per la completezza dell’offerta: non solo corsi di lingua e cultura ma anche attività extrascolastiche, tra cui corsi di teatro, di musica, di scienze e discipline sportive".
Adulti, bambini e adolescenti: quali sono i destinatari principali dei corsi? "Abbiamo cominciato con lezioni di lingua e cultura italiane per adulti, poi la richiesta è arrivata anche dai più piccoli, quindi è stato necessario concepire una scuola che partisse dall’asilo fino all’età adulta. Il cammino non è stato facile, ma oggi", ha concluso Laura Beatrice Grassi, "posso affermare con orgoglio che sono i genitori a chiedere la Dante per i loro figli e il numero degli alunni, di conseguenza, aumenta ogni anno: attualmente gli iscritti sono ben 650".

(fonte aise)

Invia commento comment Commenti (0 inviato)