Privacy Policy politicamentecorretto.com - “Nuova disciplina generale in materia di attività estrattive”.

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

“Nuova disciplina generale in materia di attività estrattive”.

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

 

 

La Commissione Attività Estrattive di Confindustria Puglia ha incontrato, nella propria sede, l’assessore regionale all’Ecologia, Michele Losappio, accompagnato dal suo staff tecnico.
Occasione dell’incontro è stato l’esame del disegno di legge “Nuova disciplina generale in materia di attività estrattive”.
L’assessore Losappio ha illustrato le novità introdotte dalla nuova legge (la precedente è la n. 37 del 1985) che la rendono innovativa perché compendiano gli interessi ambientali con quelli economici.
Certamente la nuova Legge, da sola, non potrà assolutamente sortire gli effetti sperati senza che conseguentemente venga modificato il PRAE (Piano Regionale per le Attività Estrattive), approvato nel 2007, per rispondere alle comuni esigenze di semplificazione e chiara interpretazione.
Proprio da questa condivisa esigenza, l’assessore Losappio si è impegnato, ad avvenuta approvazione del disegno di legge entro i primi mesi del 2009, a predisporre il relativo regolamento di attuazione e la stesura del nuovo PRAE, il cui progetto è stato già affidato al Politecnico di Bari che concluderà il percorso scientifico entro il 2009.
Il presidente delle Commissione Attività estrattive di Confindustria Puglia, Marco Ielli, a nome di tutti gli imprenditori, ha dichiarato la piena soddisfazione per l’impianto tecnico del disegno di legge, impegnandosi a formulare sull’articolato alcune proposte di emendamenti per una più corretta interpretazione.
L’auspicio manifestato dagli intervenuti è che questi due essenziali strumenti diventino operativi entro il 2010, risolvendo gran parte delle difficoltà burocratiche che oggi affliggono il settore.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)