Privacy Policy politicamentecorretto.com - No alla caccia ai writers: sono artisti e non delinquenti!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

No alla caccia ai writers: sono artisti e non delinquenti!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Se il nostro Governo ha intenzione di lanciare un’emergenza al giorno (ora anche i frigoriferi abbandonati in Campania- e perché no in Lombardia?- diventato pretesto per un nuovo reato penale), sbaglia a considerare i graffitari alla pari di delinquenti comuni: sono anche loro artisti. Conosco alcuni writers che  si occupano di mostre, eventi culturali, arte: con una visione alternativa ma convincente. Avvertono con forza la ‘missione’ di  valorizzare i quartieri delle città e di decorarli e abbellirli con le loro opere.  La street art non rovina e non imbratta, ha una sua etica. Semmai prova ad abbellire  la città, a rendere più gradevoli le zone grigie e senz’anima, le periferie desolate, le vecchie fabbriche e le aree dismesse e abbandonate. Danno luce là dove c’è buio: e  molte zone delle nostre città sono tristi e desolanti!

Sono artisti di strada da difendere, ragazzi con passione e voglia di creare. Da non confondere con quanti imbrattano e sporcano i monumenti: questi sì a perseguire e allontanare dalle città!

Invia commento comment Commenti (0 inviato)