Privacy Policy politicamentecorretto.com - GP BRASILE F1, HAMILTON CAMPIONE DEL MONDO F1 2008

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

GP BRASILE F1, HAMILTON CAMPIONE DEL MONDO F1 2008

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Lewis Hamilton è campione del mondo. Al pilota  britannico della McLaren è bastato ottenere il quinto posto nel Gran Premio del Brasile vinto da Felipe Massa. Il titolo mondiale costruttori va alla scuderia di Maranello per l'ottava volta negli ultimi dieci anni. Hamilton, dopo averlo mancato lo scorso anno, conquista così il titolo iridato e si laurea il più giovane campione del mondo di sempre, con i suoi 23 anni,il precedente primato era di Fernando Alonso che nel 2005, aveva conquistato il titolo con la Renault a 24 anni. Sul podio del gran premio brasiliano anche Fernando Alonso Renault, secondo davanti all'altra Ferrari di Kimi Raikkonen.Per Massa la soddisfazione di vincere davanti al pubblico di casa, ma sul podio il ferrarista non ha sorriso, non nascondendo la sua delusione.«Difficile immaginare qualcosa di più frustrante che perdere il titolo per un punto alle ultime curve, dopo che ti hanno detto che ce l'hai fatta ma Dio sa quello che fa, e noi ci dobbiamo credere».
Il campione alla stampa a detto «È fantastico, fantastico non riesco neanche a respirare, datemi un po' di tempo. Ho bisogno di bere e respirare un po', grazie».Hamilton ha vinto il titolo dopo aver superato nelle ultime curve la Toyota di Timo Glock, conquistando il quinto posto dopo che la pioggia era tornata sul circuito brasiliano nelle ultime fasi di gara.
"Tutta la mia famiglia e' qui, mio padre e' qui. E' stato un lungo viaggio, con tanto supporto da persone li' a casa. Il mio team ha fatto un lavoro fantastico tutto l'anno, abbiamo fatto tanti sacrifici e sono eccitato all'idea di esserci riuscito per tutti"."E' stata una delle gare piu' dure della mia vita, se non la piu' dura".


Invia commento comment Commenti (0 inviato)