Privacy Policy politicamentecorretto.com - Commissione Antimafia: Laratta (PD): ci aspetta un compito difficilissimo. Mafia scatenata

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Commissione Antimafia: Laratta (PD): ci aspetta un compito difficilissimo. Mafia scatenata

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Sono otto i parlamentari calabresi che faranno parte della Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno della mafia, convocati dal presidente della Camera, Gianfranco Fini, per martedi' 11 novembre alle 15, a Palazzo San Macuto, per la costituzione dell'organismo.

I parlamentari calabresi sono i deputati Elio Belcastro, Ida D'Ippolito, Franco Laratta, Angela Napoli e Mario Tassone ed i senatori Luigi De Sena, Antonio Gentile e Luigi Li Gotti.

L'on. Franco Laratta(PD), alla sua prima esperienza nella Commissione Antimafia, non appena informato della nomina ha detto: "Ci aspetta un compito grave e difficile. Le mafie sono scatenate, nel Sud potrebbero vincere la guerra contro lo Stato e portare questa parte d'Italia indietro di un secolo. Il Governo nazionale comincia a credere che buona parte del Mezzogiorno non si salva più. Noi siamo convinti che la battaglia si potrà vincere solo se la politica, l'impresa, la società civile del sud stringono un vero e forte 'Patto Antimafia' e investono in una nuova cultura della legalità. Sbattere le porte in faccia ai mafiosi e a tutte le forme di illegatità e corruzione deve essere la parola d'ordine della politica, di destra e di sinistra, di tutti imprenditori, del mondo della cultura, di tutta la società civile. In Calabria, come in altre regioni del sud, c'è troppa omertà, tanta collusione, e  molta complicità. se non ci organizziamo subito non ce la faremo più". 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)