Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ascensori/Pulsanti radioattivi: Ministero avvii indagine conoscitiva anche in Italia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ascensori/Pulsanti radioattivi: Ministero avvii indagine conoscitiva anche in Italia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


L'Autorita' per la sicurezza nucleare francese (Asn), ha rilevato la presenza di radioattivita' proveniente da Cobalto 60, nei pulsanti di ascensori prodotti dalla societa' Otis. La ditta aveva dato in appalto la fornitura dei tasti alla società francese Mafelec, che ha usato pezzi metallici importati dall'India nei quali e' stata riscontrata la presenza di Cobalto 60. Questa sostanza, radioattiva, è un potente emettitore di raggi gamma e l'esposizione aumenta il rischio di cancro. La radioattività è stata rilevata anche in tasti di ascensori in Svizzera mentre in Austria sono in corso accertamenti. Non abbiamo, invece, alcuna notizia sulla presenza o meno di pulsanti radioattivi negli ascensori della stessa ditta Otis o di altre installati in Italia, come rilevato dall'Aduc (associazione per i diritti degli utenti e consumatori), che ha anche richiesto un'indagine conoscitiva al Ministero della Salute.
Con il senatore Marco Perduca, abbiamo così rivolto un'interrogazione al Ministro del Lavoro, Salute e politiche sociali, per sapere, se intenda dare avvio a questa indagine conoscitiva, per verificare se anche in Italia vi è la presenza di pulsanti radioattivi, e se non intenda avviare contatti con le autorità indiane, per conoscere i risultati delle ispezioni nei siti di provenienza del materiale in relazione ad ulteriori utilizzi di prodotti contaminati.
 
Qui il testo dell'interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=337

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)