Privacy Policy politicamentecorretto.com - Festival del Medioevo. A Gubbio dal 4 al 9 ottobre Il grande racconto della Storia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Festival del Medioevo. A Gubbio dal 4 al 9 ottobre Il grande racconto della Storia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 


Nino Bellinvia

 

Festival a centinaia in Italia su tanti argomenti da quelli musical a quelli sportivi. Ma che riguarda il Medioevo c’è un solo festival in Europa: il Festival del Medioevo uno solo è il Festival del Medioevo. Il filo conduttore della seconda edizione della manifestazione che si terrà a Gubbio dal 4 al 9 ottobre 2016 è “Europa e Islam”: la storia di un rapporto tormentato e vitale.

In sei giorni, più di ottanta relatori si alterneranno sul palco del Centro Convegni Santo Spirito, una grande costruzione medievale ricavata da un monastero del XIII secolo, a pochi passi dalla centrale Piazza Quaranta Martiri.

Decine gli incontri e i “faccia a faccia”: storici, saggisti, filosofi, scrittori, registi e giornalisti saranno i protagonisti del grande racconto di dieci secoli di storia, dalla caduta dell’impero romano alla scoperta dell’America (476-1492).

La grande operazione di divulgazione storica troverà il suo clou nella Fiera del Libro Medievale. Trenta case editrici presenteranno al vasto pubblico degli appassionati saggi, romanzi, biografie, approfondimenti tematici e i grandi classici dell’età medievale: tutto quello che c’è da leggere e sapere per conoscere meglio l’Età di Mezzo.

Medioevo e futuro s’incontreranno in un evento dedicato alla moderna arte amanuense: Miniatori e calligrafi dal mondo, l’appuntamento costruito in collaborazione con la casa editrice “Arte Libro unaluna”, vuol rendere omaggio a Steve Jobs, l’inventore di Apple, che nella scuola del calligrafo Palladino apprese i segreti dei caratteri, l’eleganza dei segni e i messaggi subliminali del design, che poi trasferì ai “font” del Mac.

La Sala Trecentesca di Palazzo Pretorio durante uno degli incontri con gli autori della scorsa edizione

Alla Tavola rotonda del Web verranno presentati i siti on line specializzati sul Medioevo.

Un apposito spazio della Biblioteca Sperelliana sarà riservato al Medioevo dei bambini con letture, laboratori d’arte e corsi di disegno.

I Medievalismi, ovvero le rappresentazioni e l’uso postmedievale del Medioevo attraverso le mode, il costume, il cinema, l’arte, la politica, la comunicazione e la musica pop saranno al centro di appositi “focus” di approfondimento.

Sotto le volte del Centro Servizi Santo Spirito troveranno posto anche gli stand dedicati alle botteghe medievali e ai mestieri d’arte.

Le strade e le piazze di Gubbio faranno da sfondo anche a decine di altri eventi collaterali: mostre, concerti, rievocazioni, esibizioni e spettacoli.

Il Mercato Medievale (sabato 8 ottobre e domenica 9 ottobre) sarà curato dai quattro quartieri storici eugubini e presenterà prodotti di eccellenza artigiana e gastronomia a km 0. Nel mercato vigerà una moneta autonoma: gli acquisti si pagheranno in quattrini ed eugubini, che si potranno ritirare al banco di cambio medievale.

Due tra i tanti appuntamenti, vedranno protagonisti i musicisti dell’Ensemble Micrologus, il gruppo vocale-strumentale che sovrintende al programma musicale della manifestazione: il concerto (sabato 8 ottobre) “Canti di crociate e di blasfemia” e “Gomorra medievale” (venerdì 7 ottobre) lezione – spettacolo dello storico Amedeo Feniello sulle antiche radici di una cultura criminale.

 La sezione dedicata alle Arti e ai Mestieri offrirà dimostrazioni gratuite e aperte a tutti

Una esposizione ospitata nelle sale della Biblioteca Sperelliana racconterà ai visitatori “L’universo di Tolkien”.

Il Festival del Medioevo ospiterà anche una conferenza convocata dagli Stati Generali della Rievocazione Storica per fare il punto su una recente proposta di legge che riguarda centinaia di associazioni e federazioni del settore in tutta Italia.

Il Festival gode del patrocinio scientifico dell’Isime, l’Istituto Storico Italiano per il Medioevo e coinvolge autori provenienti da venti università italiane e europee.

La RAI, Radio Televisione Italiana, è media partner dell’evento con i canali tematici di Rai Storia e RAI Radio3.

Collaborano con la manifestazione anche il mensile cartaceo Medioevo e tre siti web: Italia Medievale, impegnata nella promozione del patrimonio storico e artistico del Medioevo italiano, Feudalesimo e Libertà, fenomeno social di goliardia e satira politica e MediaEvi, pagina Facebook specializzata nell’analisi dei medievalismi.

La manifestazione, organizzata dall’Associazione culturale Festival del Medioevo in collaborazione con il Comune di Gubbio, gode dei patrocini istituzionali del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Regione Umbria e della Camera di Commercio di Perugia e è sostenuta dal Gruppo Azione Locale Alta Umbria (GAL Alta Umbria) e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

 

Ecco il programma giorno dopo giorno. Martedì 4 ottobre, ore 10,00: Cerimonia di inaugurazione. (Ilaria Borletti Buitoni, sottosegretario ai Beni Culturali; Filippo Mario Stirati, sindaco di Gubbio; Federico Fioravanti, ideatore del Festival del Medioevo). Ore 11,00: “Gubbio chiede scusa a Dante Alighieri, condannato all’esilio da Firenze nel 1302 dal podestà eugubino Cante Gabrielli” (Consiglio comunale straordinario della città di Gubbio, Comune di Gubbio, Piazza Grande 9) ARGOMENTI CON TRA PARENTESI I NOMI DEI RELATORI. Ore 15.30: “Il cantico di frate Sole” (Jacques Dalarun). Ore 16.15: “Francesco e il sultano” (Grado Giovanni Merlo - Nicolangelo d’Acunto). Ore 17.00: “Girolamo Arnaldi storico “nuovo” del Novecento” (Massimo Miglio). Ore 17.30: “Cinema e Medioevo” (Dario Edoardo Viganò - Gennaro Colangelo). Ore 18.30: “Il mio Francesco” (Liliana Cavani). Mercoledì 5 ottobre. EREMI, CASTELLI E CITTÀ. Ore 9.00: Le piazze del Comune in Umbria: l’esempio di Gubbio (Annarita Vagnarelli - Giacomo Marinelli Andreoli). Ore 9,45: “La Gubbio del Trecento” (Alberto Luongo - Jean Claude Maire Vigueur - Sonia Merli). Ore 10.45: “Fortezze crociate” (Sonia Merli – Giuseppe Ligato). Ore 11,30: “La versione di Pier Damiani” (Umberto Longo). Ore 12,15: “La città nel Medioevo” (Alberto Grohmann). INTORNO AL MEDITERRANEO. Ore 15.30: “La Puglia imperiale e Castel del Monte” (Giuseppe Losapio – Victor Rivera Magos). Ore 16.15: “Terre ignote, strana gente” (Duccio Balestracci). Ore 17.00: “Genova e il mare” (Antonio Musarra. Introduce Jacopo Mordenti). Ore 17.45: “Da Londra al Mediterraneo. Il viaggio figurato di Matthew Paris” (Salvatore Sansone). Ore 18.30: “Le acque della speranza” (Alessandro Vanoli). Giovedì 6 ottobre. ALLA CORTE DEI MONTEFELTRO. Ore 9,30. Artisti, corti e committenti tra Gubbio, Urbino e Perugia” (Laura Teza - Paola Mercurelli Salari). Ore 10.15: “Immagini e suoni alla corte di Federico da Montefeltro” (Nicoletta Guidobaldi – Paola Mercurelli Salari). Ore 11.00: “La Sacra Conversazione di Piero della Francesca” (Francesco Paolo Di Teodoro).  Ore 11,45: “Piero, Federico e l’Islam” (Francesco Federico Mancini). ORE 12,30: “Dove comincia il monte” (Ettore Sannipoli). LO SPECCHIO DELL’ISLAM. Ore 15,30:L’idea della “guerra giusta” (Nicolangelo D’Acunto). Ore 16,15: Lucera 1300: una storia dell’Italia musulmana (Amedeo Feniello). Ore 17,00: Dizionario islamico: Jihad(Alessandro Barbero). Ore 18,45 GASTROMEDIOEVO – Il tartufo, oscuro re (Marilena Badolato – Giacomo Marinelli Andreoli). Ore 21,15 al Teatro Ronconi, (Via Capitano del Popolo 17) lo spettacolo CONFITEOR con Roberto Herlitzka Marianna Masciolini, Anna Clemente Silvera e Nicholas Gallo. Le visioni interiori di S. Agostino in uno spettacolo teatrale scritto da Gennaro Colangelo appositamente per il Festival del Medioevo. “Persona io centrale del mondo tardo antico, S. Agostino fu autore di una monumentale opera teologica, loso ca e culturale che s’impone come modello no ai giorni nostri e infuenzò profondamente il Medioevo. Considerato come il vero fondatore dell’autobiografia spirituale, stimola ancor oggi l’uomo contemporaneo a interrogarsi sul senso delle relazioni umane e offre l’opportunità, attraverso lo spettacolo Conteor, di costruire una architettura scenica che racconta fra l’altro il suo rapporto con la madre, la compagna e il figlio, con un approccio di grande modernità, anche grazie all’interpretazione di uno dei più grandi attori contemporanei: Roberto Herlitzka”. Gennaro Colangelo. Costo biglietti: Platea e palchi centrali: 15 euro. Palchi laterali: 12 euro. Lo ione: 8 euro. Prevendita: i biglietti saranno disponibili dal giorno 23 settembre 2016, no a esaurimento, presso il Servizio Turistico Associato di Gubbio, in via della Repubblica 15. Per prenotazioni, tel: 075.9220693. wlmailhtml:{EF2C43CA-667A-4E94-A1BA-6C0EAE9680CB}mid://00000815/!x-usc:mailto:E-mail:info@iat.gubbio.pg.it. Venerdì 7 ottobre.  IL MEDIOEVO TRA NOI. Ore 9.00. La Tavola Rotonda del Web: Maurizio Calì (Italia Medievale),Giuseppe Losapio (Mondi Medievali),Nicola Bergamo (Italia Bizantina),Riccardo Facchini e Davide Iacono (MediaEvi), Alessandro Concas e Stefano Tavera (Feudalesimo e Libertà). Ore 10.15: Bardi e menestrelli(Francesco Benozzo - Francesca Roversi Monaco Igor Santos Salazar). Ore 11.15: Cronache dal Medioevo (Tommaso di Carpegna Falconieri Cristoforo Gorno (in collaborazione con RAI STORIA). Ore 12.15: Lana e finanza: morte a Lombard Street(Amedeo Feniello). Ore 15,00: “Tradurre e non tradire. Testi e commenti tra le sponde del Mediterraneo” (Riccardo Fedriga – Roberto Limonta). Ore 16.00: Islam, religione dell’Occidente (Mariateresa Fumagalli - Beonio Brocchieri - Massimo Campanini). Ore 17,00: Maometto e Carlo Magno. Cultura araba e cucina europea(Massimo Montanari). Ore 17.45: Cose turche e parole crociate (Alessandro Barbero). Ore 18.30: Europa e Islam: storia di una amicizia (Franco Cardini). Nella stessa giornata, alle ore 21.15 (Chiesa di San Giovanni – Piazza San Giovanni), lo spettacoloL’ALTRA FACCIA DI GOMORRA” con Amedeo Feniello e musiche dei Micrologus. Camorra. Un universo oscuro e parallelo, segnato dalla violenza e dalla sopraf- fazione, raccontato al grande pubblico, con realismo, da una serie tv di culto, prodotta da Sky. E indagato, di continuo, da analisi sociologiche e da innumerevoli inchieste della magistratura. I clan ancora oggi insanguinano una delle maggiori città italiane. Il fenomeno malavitoso tocca ormai anche la Spagna, l’Olanda, la Germania e molti altri paesi d’Europa. Ma la cultura criminale ha radici profonde e ancora poco esplorate. In una lezione – spettacolo, lo storico del Medioevo Amedeo Feniello, accompagnato dalle musiche dei Micrologus, guida il pubblico all’interno di un appassionante e documentato racconto storico che scorre tra i vicoli di Napoli e disegna un coinvolgente affresco di una delle grandi capitali dell’Occidente medievale. Nell’immagine della città trecentesca “è già possibile riconoscere molti elementi che caratterizzano la mentalità della malavita organizzata contemporanea”. Costo biglietto: 10 euro. Prevendita: i biglietti saranno disponibili dal giorno 23 settembre 2016, no a esaurimento, presso il Servizio Turistico Associato di Gubbio, in via della Repubblica 15. Per prenotazioni, tel: 075.9220693. E-mail: info@iat.gubbio.pg.it. Sabato 8 ottobre MONDI MEDIEVALI. Ore 9,15: Il professor Tolkien (Oronzo Cilli - Roberto Arduini). Ore 10,00: Marco Polo e le religioni dell’Asia (Marina Montesano). Ore 10.45: La politica e i medievalismi(Tommaso di Carpegna Falconieri Giuseppina Muzzarelli - Ian Wood). Ore 12,15 L’eterno cavaliere (Franco Cardini - Tommaso di Carpegna Falconieri). Ore 15,30: Cibo e cura del corpo: la tradizione galenica e i Tacuina Sanitatis (Massimo Montanari). Ore 16,15: Il bambino che inventò lo zero (Attilio Bartoli Langeli - Amedeo Feniello). Ore 17,45: Lectio Medievalis (Alessandro Barbero - Franco Cardini Giuseppe Giannotti (in collaborazione con RAI STORIA). Ore 18.30: Schermi, sogni, visioni(Pupi Avati - Giacomo Manzoli - Francesca Roversi Monaco). Alle ore 21.45 presso la Chiesa San Domenico, (Piazza Giordano Bruno): Canti d’amore, di primavera e canzoni di crociata dei Minnesänger e Trovatori (XII-XIII sec.). Musiche di Walther von der Vogelweide, Neidhart von Reuental, ibaut de Champagne, Guiot de Dijon, Conon de Béthune, Giraut Riquer, Guiraud de Borneil, Raimbaud de Vaqueiras e anonimi.  La lirica medievale in lingua provenzale e, poi, francese e tedesca antica, è legata soprattutto ai temi dell’amore cortese. Ma a ronta anche il fenomeno di massa delle Crociate che coinvolse folle di pellegrini-c valieri. Molti e interessanti i canti proposti. A partire da “Nu alrest leb ich mir werde”, il celebre “Palestinalied” di Walther von der Vogelweide, il poeta d’amore preferito da Federico II. A seguire, “Chevalier, mult est guariz”, di autore anonimo, la più antica canzone di crociata conservata in lingua d’oil. E poi la celebre “Chanterai por mon corage”, del troviere borgognone Guiot de Dijon, “chanson de femme” in cui la crociata è raccontata dalla parte della donna che attende il ritorno dell’amato. Cansò, albe, ballade e espampie, appartengono all’universo sonoro cortese, che in uenzerà tutta la poesia d’amore europea: i Trovieri, al nord della Francia, in lingua d’oil, i Minnesinger, nelle terre di lingua tedesca e anche i Trovatori italiani al tempo di Dante. Nel programma del concerto, vanno segnalati, in particolare, il canto d’amore di Neidhart von Reuental e il testo dell’estampida di Raimbaud de Vaqueiras, “Calenda maia”.  Costo biglietto: 10 euro. Prevendita: i biglietti saranno disponibili dal giorno 23 settembre 2016, no a esaurimento, presso il Servizio Turistico Associato di Gubbio, in via della Repubblica 15. Per prenotazioni, tel: 075.9220693. E-mail: wlmailhtml:{EF2C43CA-667A-4E94-A1BA-6C0EAE9680CB}mid://00000815/!x-usc:mailto:info@iat.gubbio.pg.it. Per informazioni: ufficiostampa@festivaldelmedioevo.it. Nella foto una locandina del Festival del Medioevo.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)