Privacy Policy politicamentecorretto.com - CORTE UE. CASTALDO (M5S): BENE IL NO A COSMETICI TESTATI SU ANIMALI È DIVIETO AD AZIONI SCELLERATE DI PRODUTTORI SENZA SCRUPOLI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CORTE UE. CASTALDO (M5S): BENE IL NO A COSMETICI TESTATI SU ANIMALI È DIVIETO AD AZIONI SCELLERATE DI PRODUTTORI SENZA SCRUPOLI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

“Dalla Corte di giustizia dell'Ue arriva una sentenza importante perché, oltre a ribadire il no ai cosmetici testati sugli animali, specifica che l’immissione di tali prodotti può essere vietata all’interno del mercato dell’Unione, anche se le sperimentazioni vengono effettuate al di fuori dei suoi confini”.


È quanto afferma in una nota l’europarlamentare del MoVimento Cinque Stelle, Fabio Massimo Castaldo, in merito alla sentenza della Corte Ue intervenuta nel caso di tre produttori britannici, aderenti alla ‘European Federation for Cosmetic Ingredients’, che hanno effettuato sperimentazioni animali al di fuori dell'Unione, affinché certi prodotti cosmetici potessero essere venduti in Cina e in Giappone.


Castaldo, membro anche dell’Intergruppo sul benessere animale del Parlamento europeo, aggiunge: “quella della Corte è una sentenza che sottolinea, senza lasciare alcun dubbio, come la normativa europea non possa essere furbescamente aggirata. Un divieto alle azioni scellerate di quei produttori senza scrupoli per i quali - sottolinea Castaldo - il diritto e la vita degli animali non potranno più  essere calpestati in nome degli interessi economici”.


“La delegazione Cinque Stelle al Parlamento europeo - conclude - continuerà ad impegnarsi affinché nella ricerca scientifica vengano sempre più utilizzati metodi alternativi a quelli della vivisezione animale”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)