Privacy Policy politicamentecorretto.com - La cattura dei latitanti è una priorità per il contrasto alla criminalità organizzata

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La cattura dei latitanti è una priorità per il contrasto alla criminalità organizzata

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Interrogazione a risposta scritta


Al Ministro della Giustizia – Per sapere – Premesso che:


- la cattura dei latitanti è una priorità per il contrasto alla criminalità organizzata;

- dietro ogni cattura di un latitante ci sono impegni, professionalità, capacità investigative e sacrifici delle Forze dell’Ordine e della Magistratura, che, a volte, durano anche per anni;

- il 4 novembre 2008, i Carabinieri di Crotone hanno catturato, dopo 14 mesi di latitanza, Silvio Farao, boss appartenente al clan  Farao- Marincola di Cirò (KR);

- dopo la cattura, per il Farao sono stati disposti gli arresti domiciliari per scontare il provvedimento restrittivo;

- dopo solo una settimana dalla cattura, i Carabinieri durante un controllo, sono stati costretti a prendere atto della fuga del Farao dal suo domicilio;

- è bene ricordare che sul boss Silvio Farao pende una condanna all’ergastolo, con sentenza di primo grado, per omicidio;

- il Farao era già evaso, sempre dai domiciliari, nel mese di settembre dello scorso anno;

- la rinnovata latitanza di Silvio Farao è davvero preoccupante essendo il clan omonimo uno dei più potenti della Calabria:

- se non ritenga necessario ed urgente modificare la normativa vigente al fine di prevedere il provvedimento restrittivo in carcere per i boss della criminalità organizzata, subito dopo la condanna in primo grado.

On. Angela NAPOLI


 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)