Privacy Policy politicamentecorretto.com - REFERENDUM. CASTALDO (M5S): INTERFERENZA OBAMA FUORI LUOGO, INCONTRO CON RENZI HA MESSO IN LUCE LORO DEBOLEZZE

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

REFERENDUM. CASTALDO (M5S): INTERFERENZA OBAMA FUORI LUOGO, INCONTRO CON RENZI HA MESSO IN LUCE LORO DEBOLEZZE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


 


“L’incontro tra Barack Obama e Matteo Renzi ha messo in luce le debolezze di ciascuno. Da un lato abbiamo un presidente degli Stati Uniti, ormai sul viale del tramonto perché al termine del suo secondo mandato, che cerca di puntellare le sempre più fragili posizioni americane in Europa. Dall’altro Matteo Renzi che non fa nulla per nascondere il disperato bisogno di un endorsement per tentare di acquisire credibilità, soprattutto alla luce del prossimo voto referendario”.


È quanto affermato ai microfoni di Radio Radicale da Fabio Massimo Castaldo, portavoce europeo del Movimento 5 Stelle.


“La moneta di scambio per l’appoggio desiderato? La compiacente sudditanza del nostro Paese nell'acuirsi delle tensioni internazionali su posizioni spesso contrarie al nostro interesse nazionale.


Penso - ha aggiunto Castaldo - a quanto accaduto con il Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg, che è venuto in Italia per annunciare il dispiegamento dei nostri militari in Lettonia, o ancora alla richiesta americana di assumere un atteggiamento più interventista in Libia, in uno scenario nel quale è già ampiamente emersa l’incoerenza delle posizioni europee.


Non dimentichiamo, poi, - ha evidenziato Castaldo - la posizione italiana completamente schiacciata sul pro-TTIP, il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti tra Unione Europea e Stati Uniti, nonostante questo comporti enormi rischi per le piccole e medie imprese e per gli stessi consumatori  che vedranno arrivare sulle loro tavole cibi dalle qualità inferiori". 


“L’ingerenza del Presidente Obama sul referendum, solo l’ultima in ordine di tempo, ricordiamo infatti il caso dell'ambasciatore John Phillips - ha proseguito poi Castaldo - è stata assolutamente fuori luogo.


Siamo certi che i cittadini non si lasceranno influenzare da queste continue interferenze. Il Movimento 5 Stelle continuerà a denunciare i veri obiettivi che si nascondono dietro il tentativo di attuare questa 'riforma'. Non permetteremo che la nostra Carta venga calpestata - ha concluso Castaldo - non permetteremo che la nostra democrazia venga svilita".

Invia commento comment Commenti (0 inviato)