Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD) : “Passo importante per la doppia cittadinanza degli italiani in Europa"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD) : “Passo importante per la doppia cittadinanza degli italiani in Europa"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

"È un passo importante per il riconoscimento della doppia cittadinanza degli italiani in Europa. Con la risposta alla nostra Interrogazione questo Governo per la prima volta si impegna pubblicamente a denunciare la Convenzione di Strasburgo in modo che tutti gli italiani in Europa che prendono la cittadinanza del loro paese di residenza non siano più obbligati a rinunciare al passaporto italiano”. Laura Garavini è soddisfatta della risposta del Sottosegretario Mantica alla Interrogazione che aveva presentato come prima firmataria insieme ai parlamentari PD Bucchino, Farina, Fedi, Narducci e Porta.

I deputati PD nell´interrogazione avevano sollecitato il Governo a impegnarsi a rendere più facile l’acquisto della doppia cittadinanza. “Con soddisfazione apprendiamo che il Governo sta lavorando in questa direzione”, dice la Garavini. Mantica nella sua risposta scrive “il Ministero degli Esteri ritiene che la Convenzione di Strasburgo relativa alla riduzione delle cittadinanze plurime sia ormai anacronistica e in contrasto con la tendenza diffusa nelle legislazioni europee in materia, a cominciare da quella italiana, in quanto espressione di una concezione esclusivista della cittadinanza”.

"Alla luce delle suddette considerazioni”, continua la risposta di Mantica, “è stata recentemente ripresa proprio dal Ministero degli Esteri l’iniziativa finalizzata alla denuncia della Convenzione in esame per quanto riguarda gli aspetti sopra indicati”. Il Ministero scrive che, dati i possibili problemi rispetto agli obblighi militari, ritiene opportuno procedere alla denuncia della prima parte della Convenzione che riguarda la doppia cittadinanza, salvando la seconda parte relativa agli obblighi militari. “Personalmente sono d’accordo con questo modo di procedere, perché ci garantisce, senza complicare inutilmente l’iter burocratico, di aprire velocemente le porte alla doppia cittadinanza per tutti i nostri connazionali in Europa”, dice la Garavini.

Dopo che il Governo ha preso pubblicamente questo impegno, sottolinea la deputata PD eletta nella circoscrizione Europa, “vigileremo affinchè alle parole seguano anche i fatti. Faremo degli incontri informativi in Europa per tenere alta l’attenzione sull’argomento sperando che la doppia cittadinanza per tutti gli italiani in Europa diventi realtà il più presto possibile”. L’argomento è molto sentito soprattutto in Belgio dopo che il Governo belga ha denunciato la Convenzione di Strasburgo. La Garavini ha ringraziato il PD di Bruxelles per il contributo  dato nel portare avanti l’Interrogazione.

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)