Privacy Policy politicamentecorretto.com - Incesto: il peccato/reato. Le colpe dei genitori ricadono sui figli? Disegno di legge contro ipocrisia e violenza della legge

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Incesto: il peccato/reato. Le colpe dei genitori ricadono sui figli? Disegno di legge contro ipocrisia e violenza della legge

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

In questi giorni l'autodeterminazione dell'individuo e il peccato che si vuol trasformare in reato e' tema caldo, dalle sentenze su Eluana Englaro al dibattito sul testamento biologico, passando per i diktat vaticani al nuovo inquilino della Casa Bianca. Tutti approcci di chi, presumendo di avere una verita' da affermare, lo fa anche attraverso i rigori delle leggi dello Stato cercando di imporle anche a chi la pensa in modo diverso.
La fattoria degli animali di Orwell si traduce nella pratica quotidiana: c’e’ sempre qualcuno piu’ uguale degli altri. Credo percio' che sia determinante porre al centro della norma l’individuo, la sua responsabilizzazione e la sua liberta’ di scelta, anche a partire dai bambini. Esigenza apparentemente minoritaria -non nel Paese- ma tra le forze politiche.
Tutti i bambini sono uguali ma guai se nascono da genitori che hanno commesso colpe piu’ o meno gravi, colpe che in alcuni casi sono reati, in altri sono peccati e in altri ancora sono peccati che si traducono in reati!
Bambini che nascono con la colpa che i genitori non si sono sposati, perche’ non possono, perche’ non vogliono, ma su cui comunque quel figlio nulla puo’; figli diversi anche nel nome, naturali e non legittimi, differenza semantica che si traduce in differenza da codice civile, in differenze di eredita’.
Bambini che nascono da genitori incestuosi -fratelli consenzienti, ad esempio- che per il codice civile sono "irriconoscibili", violando cosi’ perfino il diritto costituzionale dello stato filiationis. Il marchio peccaminoso dell’incesto viene impresso a sangue sui figli perfino piu’ che sui genitori. Grazie alla legge che ha trasformato la violenza sessuale da reato contro la morale a reato contro la persona (solo nel 1996), oggi e’ prevista come aggravante la violenza commessa da un genitore, o un ascendente, in particolare contro un minore, con conseguenza anche della perdita della patria potesta’. Eppure e’ rimasto nel nostro codice penale, a monito di Stato etico, il reato d’incesto come contro la morale della famiglia, tanto che solo la nozione del pubblico scandalo e’ la condizione necessaria perche’ sussista l’ipotesi di reato. Cioe’ solo se si viene a sapere si puo’ procedere!
Non e’ un caso che il cardinal Bagnasco all’epoca del varo dei "Dico" mise nell’unico contenitore di peccati da condannare e da sanzionare, anche con leggi e con mancati riconoscimenti di diritti: pedofilia, incesto e coppie di fatto. La legge non puo’ prevedere la liberta’ individuale come principio: "se il criterio del bene e del male e’ la liberta’ di ciascuno, come autodeterminazione, come scelta -diceva Bagnasco- se uno, due o piu’ sono consenzienti, fanno quello che vogliono, questo vuol dire che non esiste piu’ un criterio oggettivo sul piano morale".
Evidentemente il criterio dell’autodeterminazione non puo’ essere considerato come valido moralmente dalla Chiesa romana. Purtroppo accade che sia cosi’ anche nella legge dello Stato laico.

Proprio per abrogare il reato d'incesto, reato contro la morale della famiglia (art. 564, 565 cp), e la nozione dei figli incestuosi (art 251 cc), con il senatore Marco Perduca abbiamo presentato due disegni di legge:

S. 1154 - Riconoscibilita' dei figli incestuosi. (http://blog.donatellaporetti.it/?p=319)
S. 1155 - Depenalizzazione dei delitti contro la morale della famiglia. (http://blog.donatellaporetti.it/?p=318)

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)