Privacy Policy politicamentecorretto.com - LA GALLERIA NAZIONALE DELL’UMBRIA SI ARRICCHISCE DI UN NUOVO CAPOLAVORO L’ANNUNCIAZIONE DI ÁLVARO PIRES DA ÉVORA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LA GALLERIA NAZIONALE DELL’UMBRIA SI ARRICCHISCE DI UN NUOVO CAPOLAVORO L’ANNUNCIAZIONE DI ÁLVARO PIRES DA ÉVORA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


   


Da venerdì 17 marzo 2017, le collezioni della Galleria Nazionale dell’Umbria si arricchiscono di un nuovo straordinario capolavoro.

Si tratta dell’Annunciazione di Álvaro Pires da Évora che giunge al museo perugino grazie a un generoso lascito di Franco Buitoni (1934-2016), noto imprenditore, nonché grande mecenate nel mondo della cultura.

 

“Ricordare Franco - afferma Ilaria Borletti Buitoni, sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali e vedova di Franco Buitoni - in un’occasione che unisce due temi della sua vita: l’arte e la sua città, è facile ma non scontato perché profondo e inaspettato nelle sue coloriture era il rapporto che aveva con entrambe. L’arte era per lui motivo di infinito interesse: si compiaceva meravigliato di quanto l’essere umano potesse essere stupefacente, nel bene e nel male, nel lasciare le sue orme, orme, quelle del bene, che aiutavano a vivere chi le coglieva: sì perché per Franco l’arte aveva proprio una funzione determinante nel nutrire il desiderio di vivere e non solo consolatoria nel senso filosofico di consolatio, ma gioiosa”.

“Infine la sua città - continua Ilaria Borletti Buitoni: aveva per anni vissuto all’estero ma quel filo non si era mai spezzato, anzi, con l’avanzare degli anni lo aveva ritrovato stringendo a sé con amore quel gomitolo di memorie che lo legavano a Perugia”.

 

L’Annunciazione è una doppia tavola, realizzata nel secondo decennio del Quattrocento dal maestro portoghese. In essa, L’arcangelo Gabriele ha appena raccolto il volo. Piegate sul dorso le lunghe ali dalle piume rosso arancio, il messaggero divino si genuflette: a terra il ginocchio destro, flessa l’altra gamba sulla quale poggia delicatamente il gomito. Non reca con sé alcun attributo, né giglio né baculus viatorius, con la sola eccezione del diadema al vertice dell’elegante viluppo dell’acconciatura.

 

Accompagna la donazione un volume edito dalla Galleria Nazionale dell’Umbria con testi di Ilaria Borletti Buitoni, don Fausto Sciurpa, presidente del Capitolo della cattedrale di San Lorenzo di Perugia e Marco Pierini direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria.

 

Perugia, 17 marzo 2017

 


fonte dati:

Ufficio stampa

CLP Relazioni Pubbliche


 
Redattore: RENZO DE SIMONE

Invia commento comment Commenti (0 inviato)