Privacy Policy politicamentecorretto.com - Lavoro dipendente

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Lavoro dipendente

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Il Governo ha emanato il DL 17/3/2017 n. 25 che abroga gli articoli 48, 49 e 50 del D. Lgs 15/6/2015 n. 81, riguardante i buoni per prestazioni di lavoro accessorio, per non cambiare nulla in una legislazione da 55 anni statalista e liberticida, con 18 tipi di contratti. Solo uno è utile: quello che riconosce la libertà alle parti di stipulare i contratti a termine che desiderano.

 

Il provvedimento volutamente consolida la disoccupazione, perseverando sulla linea delle continue modifiche alle norme di legge che creano divieti, complicazioni, vincoli e illudono con sgravi contributivi pagati anche dai disoccupati. Ogni lavoratore deve essere libero di regolare il proprio rapporto di lavoro come meglio crede, a tempo determinato o indeterminato, sia nel settore privato, sia in quello pubblico. Le aziende non devono essere intralciate, perché soltanto esse creano la ricchezza che, sotto forma di tributi, finanzia lo Stato.

 

Altro metodo sicuro per aumentare la disoccupazione è ridurre la spesa pubblica. Lo sa bene la filiera del taglio Napolitano/Berlusconi/Monti/Letta/Renzi/PD55%/Mattarella/Gentiloni.

 

Propongo la reintroduzione nel codice civile dell’esemplare articolo 2097. Esso ha permesso la piena occupazione e il benessere; l’Italia era la prima al mondo per sviluppo. E’ stato abrogato nel 1962, da chi ha voluto l’inizio della decadenza dell’economia italiana; c’è riuscito, ora l’Italia è l’ultima.

 

Per risolvere, con lungimiranza, la povertà di chi non ha lavoro, è opportuno riconoscere a tutte le persone fisiche, di cittadinanza italiana, il diritto alla disponibilità di un reddito minimo vitale, sulla base della dichiarazione annuale dei redditi.

 

Le attese dei laureati sono frustrate perché i posti di lavoro qualificato sono pochi e non tendono ad aumentare. Pochi potranno dedicarsi a un’attività in proprio, perché non c’è bisogno di tanti imprenditori. E’ ragionevole riservare ai laureati una possibilità in più.

 

Articolo unico

Comma 1           L’art. 2097 del codice civile è costituito dal seguente testo:

Le parti stabiliscono le regole del contratto di lavoro.

Comma 2           Alle persone fisiche, di cittadinanza italiana, è riconosciuto il diritto alla disponibilità di un reddito minimo vitale, sulla base della dichiarazione annuale dei redditi.

Comma 3           Alle persone laureate, di cittadinanza italiana, il datore di lavoro riconosce una preferenza in tutte le assunzioni.

GiORGIO TRENTI 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)