Privacy Policy politicamentecorretto.com - Siamo in piena campagna elettorale a Lecce ed appare incredibile di come gli esponenti dell'amministrazione comunale, molti dei quali impegnati nella competizione, glissino completamente le loro attenzioni da alcuni argomenti “scottanti”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Siamo in piena campagna elettorale a Lecce ed appare incredibile di come gli esponenti dell'amministrazione comunale, molti dei quali impegnati nella competizione, glissino completamente le loro attenzioni da alcuni argomenti “scottanti”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Piazza Tito Schipa (ex Caserma Massa) a Lecce. L'eterno (e brutto) cantiere. Coniugare urgentemente il ritorno alla disponibilità pubblica dell'area con la tutela delle scoperte archeologiche

 

Siamo in piena campagna elettorale a Lecce ed appare incredibile di come gli esponenti dell'amministrazione comunale, molti dei quali impegnati nella competizione, glissino completamente le loro attenzioni da alcuni argomenti “scottanti”. Una tra tutte è la situazione “bloccata” da anni di piazza Tito Schipa, nota anche come ex caserma Massa, un eterno cantiere che con la sua recinzione metallica in piena città, lascia alla mercè della vista di chiunque si trovi a passare, un'importante area scoperta del centro urbano. E proprio per documentare l'ennesimo permanente scempio, un cittadino ci ha inviato svariate fotografie della situazione, che ancora una volta la dicono tutta sulle difficoltà che ha da sempre trovato il governo cittadino nel risolvere quelle che non dovrebbero essere delle problematiche, come la scoperta di significativi reperti archeologici in una città che non finisce mai di stupire per le presenze storico culturali celate anche nel sottosuolo. In quest'ottica, Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, rivolge un appello ai candidati sindaci affinchè svelino delle soluzioni rapide e fattibili perchè si coniughi il ritorno alla disponibilità pubblica dell'area con la tutela delle scoperte archeologiche, così come da tempo ha richiesto il Comitato spontaneo sorto per la protezione del sito.

Lecce, 18 marzo 2017                                                                                                                                                                                     

Giovanni D’AGATA

Invia commento comment Commenti (0 inviato)