Privacy Policy politicamentecorretto.com - Reato di Tortura. L'italia non può non introdurlo. Disegno di legge

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Reato di Tortura. L'italia non può non introdurlo. Disegno di legge

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

In Italia la tortura non è reato, nonostante siano passati ventuno anni da quando il nostro Paese ha ratificato la convenzione Onu che la vieta. Un vuoto legislativo che ci vede agli ultimi posti in Europa, e per questo, molti abusi o violenze rimangono impuniti o ignoti.
Secondo dati Ue sono più di 100 i Paesi nel mondo che praticano la tortura, e si stima che l'Europa accolga in proposito circa 400mila rifugiati vittime.
Una proposta di legge che modificava il codice penale  introducendo il reato di tortura era stata approvata alla Camera nel dicembre 2006 in base a un accordo bipartisan e licenziata dalla commissione giustizia del Senato nel luglio 2007, ma sarebbe dovuta arrivare in aula nei giorni della crisi del Governo Prodi e quindi e' rimasta li'.
Per queste ragioni, con il senatore Marco Perduca abbiamo depositato un disegno di legge redatto in collaborazione con l'associazione Antigone.
In questa legislatura esistono proposte e disegni di legge presentate alla Camera e al Senato per l'introduzione di questo reato. Mi auguro e mi impegnero' perche' il Parlamento si impegni per approvarle al più presto.

Qui il testo del disegno di legge: http://blog.donatellaporetti.it/?p=372

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)