Privacy Policy politicamentecorretto.com - Caccia. 23 morti e 47 feriti in tre mesi non sono una notizia?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Caccia. 23 morti e 47 feriti in tre mesi non sono una notizia?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Dichiarazione dei senatori Donatella Poretti e Marco Perduca, parlamentari Radicali - Partito Democratico

 

Mentre la maggioranza si fa promotrice di un'iniziativa legislativa per ampliare le specie cacciabili e la durata dell'attivita' venatoria, pare che non siano interessanti i morti, anche di cittadini inermi, legati a questa attivita'. I cacciatori, infatti, oltre ad essere gli unici a poter passare e cacciare nelle proprieta' private, avvicinandosi sempre troppo alle case, per quasi' sei mesi all'anno continuano ad essere un pericolo per la vita delle persone oltre che ovviamente degli animali. Abbiamo fior fiore di ministri che rassicurano i cittadini sulle stragi del sabato sera e sulle morti bianche, con grande risvolto mediatico, ma non rappresentano una notizia e una preoccupazione i 23 morti e 46 feriti che, dal 1 settembre al 22 novembre 2008, sono stati vittime delle armi usate durante la caccia. Cosi' hanno denunciato le associazioni ambientaliste, e in particolare l'associazione vittime della caccia, che oggi 27 novembre sono state audite in Commissione Ambiente al
 Senato.
Per questo abbiamo chiesto al neo Presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Riccardo Villari, di intervenire perche' venga ristabilito il diritto dei cittadini ad essere informati su questa strage impressionante e sconosciuta, anche in vista del prosieguo del dibattito sulle proposte di legge in campo venatorio.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)