Privacy Policy politicamentecorretto.com - Calabria: istituzione Casali del Manco, Nesci e Parentela (M5S) chiedono a Irto Consiglio regionale immediato

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Calabria: istituzione Casali del Manco, Nesci e Parentela (M5S) chiedono a Irto Consiglio regionale immediato

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

«Il presidente Nicola Irto convochi subito il Consiglio regionale della Calabria per la legge istitutiva del Comune di Casali del Manco». Lo affermano in una nota i deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela, che in una lettera a Irto, trasmessa anche al governatore della Calabria, Mario Oliverio, hanno a riguardo lamentato che «il Consiglio regionale sembra non volersi determinare, nonostante la volontà popolare già espressa con chiarezza col voto referendario dello scorso 26 marzo nella Presila cosentina». «Sappiamo bene – hanno premesso i parlamentari 5stelle, nella stessa lettera a Irto – che pure il Movimento Presila Unita le ha già rappresentato la necessità di convocare con urgenza un Consiglio regionale per procedere in tempi utili alla legge istitutiva del Comune di Casali del Manco». «A breve – hanno ricordato a Irto i 5telle – scadrà il termine di formalizzazione delle liste per le elezioni cui il prossimo 11 giugno saranno chiamati, se tutto resta come è, i Comuni di Trenta e Spezzano Piccolo, in cui si potrebbe votare, perdurando l'immobilismo del Consiglio regionale, per i rispettivi Sindaci e Consigli comunali». «A nulla – hanno incalzato i due deputati – servono, allora, i proclami su Casali del Manco di esponenti del Partito democratico e alleati, se il Consiglio regionale, la cui maggioranza è di centrosinistra, ignora il da farsi e continua a tacere». «Fuori di ogni retorica, il voto popolare – hanno concluso Nesci e Parentela – si rispetta, anche perché ogni mandato di rappresentanza deriva da una legittimazione del popolo, che non è mai massa passiva».

Invia commento comment Commenti (0 inviato)