Privacy Policy politicamentecorretto.com - Basta esportazioni di sabbia dall’Italia verso la Svizzera. Lo Sportello dei Diritti plaude all'iniziativa dell’associazione ambientalista varesotta “Amici della Terra” che si è rivolta al Consiglio di Stato in merito ai presunti traffici illecit

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Basta esportazioni di sabbia dall’Italia verso la Svizzera. Lo Sportello dei Diritti plaude all'iniziativa dell’associazione ambientalista varesotta “Amici della Terra” che si è rivolta al Consiglio di Stato in merito ai presunti traffici illecit

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image Basta esportazioni di sabbia dall’Italia verso la Svizzera. Lo Sportello dei Diritti plaude all'iniziativa dell’associazione ambientalista varesotta “Amici della Terra” che si è rivolta al Consiglio di Stato in merito ai presunti traffici illeciti di inerti

 

Un'iniziativa lodevole e alla quale facciamo un plauso. Così Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” dopo aver appreso l'inizitiva intrapresa dall’associazione varesotta “Amici della Terra” che si è rivolta al Consiglio di Stato ticinese per chiedere la sospensione dell’importazione di sabbia dall’Italia. La questione è stata prospettata per competenza anche alla Regione Lombardia. Tutto sarebbe partito da un’inchiesta di “Falò”, da cui sarebbe emersa la possibilità di traffici illeciti di rifiuti tossici sottesi all’accordo tra il Ticino e la Lombardia sul trasporto di inerti. Nella nota rivolta al Consiglio di Stato del Canton Ticino, l'associazione di Varese, ha chiesto alla giustizia amministrativa di prendere, sostanzialmente, tre decisioni: «sospendere l’importazione di sabbia dall’Italia; obbligarsi a riciclare il 95% degli inerti e usare quelli per le costruzioni; far gestire le terre da scavo direttamente dal Cantone e non da privati, senza nessuna eccezione».«Ovviamente - conclude la lettera - in questo modo si regolarizzerebbe tutta la situazione. Realizzare tutto ciò diventa irto di difficoltà e forse troppi sarebbero gli interessi ad esso contrari.  Noi confidiamo, invece, che il Cantone sia superiore alle possibili spinte contrarie e voglia tener conto di quanto abbiamo proposto».

Lecce, 17  maggio 2017                                                                                                                                                                                     

Giovanni D’AGATA

Invia commento comment Commenti (0 inviato)