Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sobri o ubriachi, cambia poco. Uno studio americano ha scoperto che le bevande alcoliche influenzino l'estroversione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sobri o ubriachi, cambia poco. Uno studio americano ha scoperto che le bevande alcoliche influenzino l'estroversione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Ora non ci sono più alibi legati al fatto di aver bevuto troppo e non essere orientati. Bere cambia la nostra personalità, ma meno di quanto si pensi. L'unico tratto del carattere che cambia è quello dell'estroversione poiché si diventa più aperti verso gli altri. A scoprirlo una ricerca dell’Università del Missouri, pubblicata sulla rivista Clinical Psychological Science. Gli studiosi, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno esaminato 156 persone che hanno completato un'indagine che valutava il consumo di bevande alcoliche e la loro percezione su come fossero da sobri e dopo aver bevuto. Poi, in circa 15 minuti, ogni "cavia" ha potuto bere qualcosa; alcuni una semplice bibita gassata e altri drink con la vodka. Dopo altri 15 minuti, è stato chiesto a tutti di fare test di domande e risposte e puzzle logici e poi valutare la loro personalità. Come previsto tutti i partecipanti indicavano cambiamenti in cinque fattori della personalità,coscienziosità, apertura alle esperienze, convenienza, estroversione, stabilità,dopo aver bevuto, mentre gli osservatori hanno indicato differenze reali in un solo ambito, l'estroversione.

Lecce, 17 maggio 2017                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

Invia commento comment Commenti (0 inviato)