Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sessione del Consiglio dell'ONU per i Diritti Umani: la responsabilità degli autori del massacro di 30.000 prigionieri politici del 1988 in Iran

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sessione del Consiglio dell'ONU per i Diritti Umani: la responsabilità degli autori del massacro di 30.000 prigionieri politici del 1988 in Iran

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
CNRI – Durante la trentacinquesima sessione del Consiglio per i Diritti Umani, nella sede europea delle Nazioni Unite a Ginevra, ancora in corso di svolgimento, la rappresentante dell'Associazione Internazionale delle Donne per i Diritti Umani, ha parlato all'incontro dell'aumento dei casi di esecuzione e di violazione dei diritti umani in Iran, chiedendo un'indagine esaustiva e un'esame dell'ONU sugli autori del massacro dei 30.000 prigionieri politici del 1988.
La rappresentante dell'Associazione Internazionale delle Donne per i Diritti Umani, ha calcolato il numero delle criminali esecuzioni in Iran, in particolare quelle di coloro che all'epoca del presunto crimine avevano meno di 18 anni, sottolineando inoltre i 20 casi di persone fustigate in pubblico dal regime iraniano, per aver rotto il digiuno nel mese del Ramadan, ed ha dichiarato: “E' essenziale che vengano incriminati coloro che hanno sfruttato il loro potere per giustiziare migliaia di oppositori politici ed inoltre revocare i privilegi e le immunità degli esponenti del regime che sono sfuggiti alla condanna”.
La rappresentante dell'Associazione Internazionale delle Donne per i Diritti Umani ha asserito che è responsabilità della comunità internazionale, come anche del Consiglio per i Diritti Umani, garantire l'incriminazione degli autori di questo crimine. Ha anche precisato: “L'urgenza di questa questione è che le esecuzioni di massa del 1988 continuano ancora, sotto altra forma”.
Il sito web delle Nazioni Unite ha riportato inoltre, che durante l'incontro un'associazione per i diritti umani ha richiamato l'attenzione sulla sistematica esclusione delle donne in Iran. Dice inoltre che dall'inizio del 2017, sono state giustiziate più di 250 persone. 50 in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Vengono giustiziati anche i ragazzi in Iran e queste esecuzioni vengono compiute in pubblico.

Mahmoud Hakamian
@HakamianMahmoud

Invia commento comment Commenti (0 inviato)