Privacy Policy politicamentecorretto.com - USA: migliaia di tonnellate di hot dog ritirati per contaminazione da frammenti ossei di animali. Maxi ritiro alimentare ha colpito gli Stati Uniti, dove oltre tre milioni di kg di hot dog sono stati ritirati per possibile presenza di corpi estranei

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

USA: migliaia di tonnellate di hot dog ritirati per contaminazione da frammenti ossei di animali. Maxi ritiro alimentare ha colpito gli Stati Uniti, dove oltre tre milioni di kg di hot dog sono stati ritirati per possibile presenza di corpi estranei

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

La presenza di corpi estranei è uno dei rischi più temuti da aziende e consumatori,dall’Italia all’estero. Negli Stati Uniti, Marathon Enterprises Inc., con sede a Bronx, NY, una grande società di lavorazione della carne, ha ordinato il ritiro dei prodotti per probabile contaminazione da frammenti ossei e di cartilagine di animali. L’avviso di richiamo per il rischio alimentare riguarda nella fattispecie oltre 7 milioni di libbre di hot dog di manzo e maiale "SABRETT", un alimento consumatissimo oltreoceano: numeri da capogiro che rischiano di generare seri problemi di salute, derivanti dai frammenti ossei che possono provocare soffocamento o lesioni. L’ordine della società alimentare di ritirare la carne incriminata è stato pubblicato sui siti del Dipartimento dell’Agricoltura degli USA (USDA) e dal servizio per la sicurezza alimentare ( FSIS ). L’azienda, dopo le lamentele di molti consumatori e dopo che una persona subì una lesione orale minore, ha palesato che gli hot dog potrebbero essere contaminati dal frammenti ossei, dunque, immediato il ritiro. Gli hot dog sotto accusa sono stati prodotti tra il 17 marzo e il 4 luglio 2017 e distribuiti a livello nazionale. La misura adottata dalla società è di tipo precauzionale. A causa dell’elevato rischio, però, le autorità americane hanno lanciato l’appello a coloro che hanno acquistato gli hot dog di riportarli nei punti di vendita o di gettarli nella spazzatura. Si tratta di uno dei provvedimenti più drastici negli USA per la carne: l’allerta è molto elevata. Essa è stata classificata da parte del Ministero dell’Agricoltura come “Class I recall“, cioè “una situazione pericolosa per la salute in cui vi è una ragionevole probabilità che l’uso del prodotto provoca gravi conseguenze per la salute”. Le tracce di frammenti ossei, possono provocare soffocamento o lesioni. Il ritrovamento di un corpo estraneo, spiega Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è uno dei tre possibili rischi legati alla produzione di alimenti, insieme a quello di contaminazioni biologiche o chimiche, ed è anche il meno pericoloso dei tre. Si tratta di solito di eventi puntuali, dovuti a incidenti: frammenti di vetro o metallo, oppure di gusci o di osso, e in qualche caso materiale biologico come insetti o piccoli animali. Nello specifico, a quanto emerge dall’indagine degli investigatori statunitensi, nello stabilimento dell’azienda che rifornisce numerose e conosciute multinazionali del settore alimentare, ci sono finite decine di tonnellate di carne con una tecnica di raschiatura delle ossa. Un metodo vietato in Europa in quanto comporta il rischio che si mescolino assieme alla carne, frammenti ossei o di tessuti nervoso. L'esportazione e la lavorazione sul continente europeo di carne ottenuta in questo modo e' stata vietata dopo la crisi della mucca pazza, per il pericolo di contaminazione al prione, il microrganismo responsabile di questa malattia, veicolata proprio da nervi e midollo osseo.

Lecce, 16 luglio 2017                                                                                                                             

Giovanni D’AGATA

Invia commento comment Commenti (0 inviato)