Privacy Policy politicamentecorretto.com - Di che people parliamo?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Di che people parliamo?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

La parola inglese people ha molteplici significati da “popolo” a “gente” e “persone”.

    Non è indifferente come sarà tradotto in italiano il titolo del Manifesto del PSE per le elezioni europee 2009: “People First. A new direction for Europe”.

    "Popolo" per un socialista con qualche nostalgia è l’unica traduzione accettabile: ma sento già le obiezioni “Ottocentesco!”

    "Gente" è inaccettabile, dà l’idea di una massa amorfa ed indistinta, più adatta ad un movimento popular-qualunquista alla Giannini o alla Poujad.

    "Persone" è già più rispettoso della dignità degli individui: è sancito in diverse espressioni costituzionali come dignità della persona umana. Rappresenta un compromesso accettabile tra individuale e collettivo, tra giustizia e libertà.

    Non vorrei però trovarmi di fronte ad una traduzione che dica “Prima gli individui”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)