Privacy Policy politicamentecorretto.com - Elena Copelli, performer e coreografa di teatro danza, è la protagonista della Residenza Artistica 2017 promossa dal Teatro delle Forche nel Teatro Comunale “Resta” di Massafra

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Elena Copelli, performer e coreografa di teatro danza, è la protagonista della Residenza Artistica 2017 promossa dal Teatro delle Forche nel Teatro Comunale “Resta” di Massafra

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
 
 
 
 
 
(N.B.) «Da due anni porto avanti una ricerca sulla trasposizione del diario da forma scritta a forma performativa».
Così Elena Copelli, performer e coreografa di teatro danza, protagonista della Residenza Artistica 2017 promossa dal Teatro delle Forche nel Teatro Comunale di Massafra (TA), racconta il suo progetto “Peep Diary”.
«La mia ricerca – prosegue la Copelli - oltre che basarsi sulla parola che prende vita attraverso il corpo, vuole ricreare anche l’atmosfera che chi scrive e legge un diario sperimenta: l’intimità e la completa sincerità che sono alla base della nascita della scrittura diaristica. Questo mi ha portato a continuare una sperimentazione sull’utilizzo della luce che, fin dall’inizio del mio lavoro come artista, mi ha accompagnato, prima come unica protagonista e, in questo caso, come mezzo che permette una partecipazione attiva del pubblico all’atto performativo».
L’artista ha iniziato il suo percorso di ricerca attraverso due laboratori tenuti all’interno del roBOt Festival di Bologna nel 2014 e del Torino Fringe Festival nel 2015, e lo ha portato avanti a Mantova presso il Teatro Magro e a Lucca presso lo Spam, residenze che gli hanno permesso di definire chiaramente la struttura del lavoro performativo: lo spazio scenico, completamente oscurato, si trasforma in un immaginario contenitore di diari personali, dove il ricreare l’atmosfera di intimità e segreto è fondamentale. La scenografia è una pagina di diario che protegge il performer dagli sguardi indiscreti del pubblico, ma allo stesso tempo lo richiama e lo coinvolge all’interno di un gioco fatto di segreti e frasi sussurrate. Il pubblico, allo stesso tempo datore luci e regista, decide cosa vuole leggere e vedere della performance, illuminando lo spazio con la torcia del suo telefono.
Il suo lavoro di ricerca sta proseguendo in questi giorni di attraversamento a Massafra, con l’obiettivo di arricchire l’ossatura della performance, chiarirne gli intenti e definire chiaramente il percorso che intende far fare al pubblico.
E proprio con il pubblico della comunità che la ospita, la coreografa Elena Copelli, insieme a due suoi collaboratori, condividerà il suo lavoro domenica 15 Ottobre durante un incontro di avvicinamento alla performance, che vedrà il coinvolgimento diretto degli spettatori.
L’appuntamento è alle ore 20.00, nel Teatro Comunale “Nicola Resta” di Massafra, sito in Piazza Garibaldi. L’ingresso è libero e gratuito.
A ciascuno dei presenti sarà chiesto, sempre in chiave performativa, un contributo sul lavoro, a partire dalla propria esperienza/ricordo di diario. Si condivideranno domande sulla forma e sui linguaggi multidisciplinari cercando di approdare a una comune ricerca di senso.
La performance “Peep Diary” di Elena Copelli debutterà all’ITC di Bologna (Teatro dell’Argine) nel mese di Novembre.
Nella foto la coreografa di teatro danza Elena Copelli.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)