Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Il prefisso di Dio. Storie e labirinti di Once, Buenos Aires"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Il prefisso di Dio. Storie e labirinti di Once, Buenos Aires"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Un viaggio nel quartiere ebraico di Buenos Aires alla ricerca dell'Undicesimo Comandamento in compagnia di Francesca Bellino e del suo ultimo libro, "Il prefisso di Dio. Storie e labirinti di Once, Buenos Aires", pubblicato di recente da Infinito Edizioni nell'ambito della collana iSaggi.
"Un viaggio in compagnia de "Il Prefisso di Dio" apre le porte meglio di qualunque guida turistica non solo a el Once e a Buenos Aires, perché Francesca Bellino racconta questi luoghi e storie con la partecipazione vitale e affettuosa di una scrittrice attenta e desiderosa di spaziare oltre e oltre e oltre ancora", scrive Luis Bacalov nella sua prefazione al volume, che ha il patrocinio di Asal, Icei e ProgettoSur. L'introduzione è stata invece affidata a Ivana Costa del giornale "Clarín", che aggiunge: "Once è un quartiere affascinante, pieno di energia vitale, creatività e ricerche. Un quartiere che non si arrende. Di queste battaglie passate, presenti e future tratta questo bel libro".
Francesca Bellino è nata a Salerno e vive a Roma. Giornalista, reporter di viaggio e autrice televisiva, collabora con numerose testate quotidiane e periodiche, tra cui Il Mattino, Il Foglio, Il Venerdì, Viaggi e D de La Repubblica e il supplemento culturale del Clarin, Ñ. È inoltre autrice dei saggi "È ancora vivo! Lucio Battisti risorge attraverso i mezzi di comunicazione"  e "Non sarà un’avventura. Lucio Battisti e il jazz italiano"
Rincorsa dal numero 11, l'autrice si perde in infiniti labirinti di storia antica e contemporanea e si lascia guidare dai personaggi che incontra sulla sua strada. Immigrazioni vecchie e nuove, tradizioni e mistica ebraica, credenze popolari e miracoli, tango porteno e tango yiddish, la memoria e i fatti dell'attentato all'Ambasciata di Israele e all'Amia e della morte dei 194 ragazzi nella discoteca Cromañon, gli psicoanalisti del dopo crisi del 2001 e la convivenza tra culture diverse sono alcuni dei temi trattati in questo diario-reportage che cerca di stimolare il lettore in una personale ricerca di un nuovo Comandamento per le attuali società plurali.


(fonte aise)

Invia commento comment Commenti (0 inviato)