Privacy Policy politicamentecorretto.com - Iniziativa del Rotary Club di Massafra. “Gli autografi dei canti leopardiani”: la lectio magistralis di Riccardo Alessandrino

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Iniziativa del Rotary Club di Massafra. “Gli autografi dei canti leopardiani”: la lectio magistralis di Riccardo Alessandrino

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
 
 
 
Mariella Eloisia Orlando
 
 
 
 

Lo scorso 10 novembre, al Palazzo della Cultura, la letteratura è stata al centro dell’iniziativa del Rotary Club di Massafra.
Il dottor Riccardo Alessandrino, magistrato presidente preposto della corte d’appello di Taranto e cultore di letteratura, è stato il protagonista della serata culturale intitolata “Gli autografi dei canti leopardiani”.
In apertura il saluto del presidente Rotary Club avvocato Luigi Salvi e l’introduzione del giudice Franco Losavio, già presidente Rotary.
Si è entrati nel vivo della conferenza con l’interessante relazione del dottor Alessandrino che si è rivelata una vera e propria lectio magistralis sulla poetica leopardiana. Un affascinante viaggio tra i componimenti ha accompagnato il pubblico nell’ ‘officina poetica’ di Leopardi. Visualizzando i preziosissimi autografi, è stato infatti possibile ricostruire il lavorio del poeta sui suoi scritti dimostrato da correzioni, annotazioni, glosse, colori differenti dell’inchiostro. Si riscontrano correzioni anche sulle copie stampate delle varie opere in possesso del Leopardi, da queste si giungerà alle versioni definitive. Interessantissima dunque la ricostruzione dell’evoluzione dei celeberrimi componimenti leopardiani possibile grazie all’attento studio degli autografi. Nel suo discorrere, il dottor Alessandrino ha contestualizzato nella vita del Leopardi suoi più noti componimenti. Anche i luoghi in cui il poeta ha vissuto sono stati descritti con dovizia di dettagli.
Comprendere come Leopardi lavorava ai suoi componimenti è stato un modo inconsueto e non convenzionale di approcciare ad essi.
In chiusura il saluto della professoressa Silvana Milella, assistente del governatore del Rotary Club.
Una serata di indubbio spessore culturale ha certamente arricchito chi vi ha partecipato.
Nella foto un momento degli interventi.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)