Privacy Policy politicamentecorretto.com - Differenze tra un quartiere a Roma e un quartiere a Milano

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Differenze tra un quartiere a Roma e un quartiere a Milano

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

Nessuno mi ha chiamato “caro”, nel quartiere dove abita mia figlia a Milano. Le signore del raffinato caffè pasticceria a poco distanza da casa non mi hanno chiamato “caro”. Neppure le cassiere del supermercato mi hanno chiamato “caro”. A Roma, nel quartiere dove abito, non mi chiamano “signore” come a Milano, mi chiamano “caro”. Un “caro”, però, l’ho rimediato anche a Milano. Al Pronto Soccorso dell’ospedale San Raffaele, al “caro” signore steso sul lettino, l’infermiere ha annunciato che gli avrebbe inserito l’ago nel braccio per un prelievo di sangue. “Caro” dappertutto a Roma, un solo “caro” a Milano. Speriamo il “caro” non si diffonda a Milano. A Roma anche gli stranieri, perfettamente integrati, hanno imparato a dire “caro”. Tutti cari. 

Ho trovato brioches squisite a Milano, più buone ancora di quelle pure buone che trovo nel quartiere dove abito, a Roma. Sia a Roma sia a Milano ogni tanto si vede una mosca svolazzare sulle brioches, nonostante l’inverno.  Riguardo alle mosche nessuna differenza tra Roma e Milano. Io esco dal locale se vedo la mosca invernale che assaggia le brioches prima di me, sia Milano sia a Roma.

Per le strade del quartiere dove abita la cara figlia, a Milano, non ho visto cassonetti colmi di spazzatura con intorno mucchi di spazzatura, e non ho visto campane verdi per la raccolta delle bottiglie con intorno un vecchio televisore o un vecchio water. A Roma vedo queste cose.

Passeggiando per le strade del quartiere dove abita la cara figlia, ho incontrato tante persone anziane. Passeggiano, vanno a prendere il caffè, il tè, a fare due chiacchiere sedute a tavolino, signore ben vestite, truccate, che sembrano appena uscite dal parrucchiere. Non è la stessa cosa nel quartiere dove abito a Roma. Nel quartiere di Milano ho visto solo due chioschi che vendono fiori, nel quartiere dove abito a Roma ci sono due bei negozi che vendono fiori e due chioschi. A Roma forse amano di più i fiori. Crescono persino sui cigli delle strade, assieme alle erbacce. Niente erbacce nelle strade del quartiere dove abita la cara figlia. A Milano non ho visto un gatto.  Sono nelle case i gatti milanesi? A Milano i cani mi abbaiano di meno, forse anche le donne mi sorridono di meno. A Roma i cani mi abbaiano sempre e le donne mi sorridono spesso. Sorridono alla barba bianca. Sorridono all’età. 

Renato Pierri

Invia commento comment Commenti (0 inviato)