Privacy Policy politicamentecorretto.com - PALERMO: ALTRO CHE CAPITALE DELLA CULTURA MEGLIO NOMINARLA CAPITALE DEI MORTI PER FREDDO E STENTI OVVERO DELLA POVERTA’ E DELLE DISUGUAGLIANZE!!!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PALERMO: ALTRO CHE CAPITALE DELLA CULTURA MEGLIO NOMINARLA CAPITALE DEI MORTI PER FREDDO E STENTI OVVERO DELLA POVERTA’ E DELLE DISUGUAGLIANZE!!!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

FREE GREEN SICILIA – SOS POVERTA’

 

SPERPERARE DENARO PUBBLICO QUANDO LA POVERTA’ CRESCE DI GIORNO IN GIORNO E’ UN VERO CRIMINE CONTRO L’UMANITA’ EMARGINATA!

Un terzo cittadino senza tetto è morto per freddo a Palermo proprio nell’anno in cui è stata nominata città della cultura, forse sarebbe stato più appropriato nominarla città dei morti per freddo e stenti ovvero della povertà imperante e delle disuguaglianza, come per altre città siciliane da terzo mondo, altro che città europee!

Eppure- afferma Alfio Lisi portavoce di Free Green Sicilia – SOS Povertà - si spendono centinaia di migliaia di euro per certi eventi come per il  Capodanno, ma non solo la lista è molto lunga, quando si potrebbero realizzarne di molto meno costosi ma altrettanto interessanti magari coinvolgendo gli artisti del luogo, in una città, ma questo vale per le altre grandi città siciliane, quando la priorità dovrebbe essere la lotta alla povertà che in Sicilia diventa sempre più drammatica ed estesa per migliaia di famiglie e singoli cittadini senza casa e senza introiti, con un welfare in caduta libera da decenni, costretti a vivere all’aperto o in ripari di fortuna evanescenti e quando peraltro le temperature scendono verso lo zero e anche oltre.

Sicuramente non basta il volontariato, a cui va in nostro forte plauso, per dare reali e concrete risposte ai non abbienti che crescono di giorno in giorno, quando poi i Sindaci sperperano denaro pubblico per futili iniziative trasformando di fatto tale sperpero in un vero e proprio crimine contro l’umanità emarginata.

Eppure gli ultimi dati dell’ISTAT parlano più che chiaro da anni, ma nessuno di chi amministra le città siciliane le ascolta come dovrebbe, ovvero oltre il 30 % delle famiglie siciliane si trovano a vivere in condizioni di povertà quando peraltro , e questo la dice lunga sull’incapacità in particolare dei Sindaci delle aree metropolitane, la media delle città metropolitane italiane fissa questo valore al 16,64 per cento ovvero la metà di famiglie povere rispetto alla Sicilia.

Ma quello che scuote le coscienze di tutti – sostiene Alfio Lisi - è l’assordante silenzio di Istituzioni, politici siciliani e dei vertici della stessa Chiesa che non sembra prendere alcuna posizione pubblica.

Per tali umanitari e tangibili aspetti Free Green Sicilia rinnova anche l’appello alle Istituzioni pubbliche, dallo Stato alle Regioni per finire ai Comuni, affinché per tutto il periodo invernale recuperino quanti più alloggi, anche a tempo indeterminato, per coloro , famiglie e individui, che non hanno più una casa dove abitare, visto che si tratta di persone e famiglie disagiate costrette a dormire all’addiaccio e a fare la fila nelle poche mense sociali della città, anche queste gestite da associazioni ed enti cattolici e laici, a cui si rinnova il nostro plauso.

Alfio Lisi

Portavoce

Free Green Sicilia

Invia commento comment Commenti (0 inviato)