Privacy Policy politicamentecorretto.com - Bloccare l'accesso a Internet e filtrare i social media per impedire la diffusione di rivolta e rilascio delle sue notizie

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Bloccare l'accesso a Internet e filtrare i social media per impedire la diffusione di rivolta e rilascio delle sue notizie

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

Rivolta dell'Iran - No.29

 

Il settimo giorno della rivolta del popolo iraniano, e pochi giorni dopo la decisione del fascismo religioso Iran filtrato molti social network, e blocca o severamente ristretto l'accesso a Internet in molte aree, il comandante dei pasdaran Jafari ha dichiarato: "Mancato controllo sul cyberspazio , che è gestito all'estero, e il fallimento dei funzionari nel controllare questo spazio, ha aggravato il tumulto, ma quando il ciberspazio è stato controllato, abbiamo visto una diminuzione della sedizione ". (Agenzia di stampa Fars affiliata ai pasdaran - 3 gennaio).

Domenica 31 dicembre, il quarto giorno della rivolta, l'agenzia di stampa statale Mehr ha citato Ismail Jabbarzadeh, deputato politico del ministro degli interni, dicendo che "negli ultimi giorni ... alcuni social network nel cyberspazio sono andati fuori accesso , "Aggiungendo", quando ci troviamo di fronte a interruzioni nell'ordine pubblico, possiamo rimuovere le reti cibernetiche dall'accesso come mezzo di controllo e come approccio temporaneo ".

Oggi (mercoledì 3 gennaio), Azari Jahromi, ministro delle comunicazioni e delle tecnologie informatiche di Rouhani, dopo un incontro del governo sul filtraggio dei social network e il momento in cui tali restrizioni sarebbero state rimosse, ha dichiarato: "Il blocco di Telegram è stato discusso nel Consiglio di sicurezza e abbiamo deciso che per il momento le attività di queste reti dovrebbero essere fermate per impedire ai controrivoluzionari di abusare di esse contro le condizioni pacifiche del paese ".

"Abbiamo esortato il direttore di Telegram a filtrare questi canali, cioè, dovrebbe rispettare la richiesta della nostra gente", ha ribadito, "il Consiglio di sicurezza ha deciso di fermare temporaneamente questo messaggero". Questo mentre ha specificato che il blocco di queste reti avrebbe causato enormi perdite all'economia del paese e agli affari della gente. Ali Tavassoli, vice presidente della Commissione  di Internet e Computer di Tehran, ha riconosciuto che l'economia iraniana ha subito 500 miliardi ( Toman – moneta iraniana ) di perdite a causa dell'interruzione di Internet negli ultimi giorni.

Il regime dei mullah, per paura della diffusione della rivolta del popolo iraniano a livello nazionale e rilasciando le sue notizie, ha ignorato tutte le considerazioni politiche, economiche e internazionali, ei suoi più alti funzionari hanno posticipato scioccamente la rimozione dell'interruzione di Internet alla fine della rivolta.

La Resistenza Iraniana, sottolineando che l'interruzione di Internet in Iran è una pirateria su Internet e il terrorismo della comunicazione e una flagrante violazione di molti trattati internazionali e violazioni degli standard dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (ITU), ha invitato l'Unione a condannare il regime dei mullah e fornire i requisiti necessari affinché il popolo iraniano possa godere di Internet e dei social network

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

3 gennaio 2017

Mahmoud Hakamian

@HakamianMahmoud

in allegata video clip della protesta di oggi a Tehran

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)