Privacy Policy politicamentecorretto.com - AUTISMO. LUNEDÌ A ROMA SI PUNTA SU POTENZIALITÀ E TALENTI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

AUTISMO. LUNEDÌ A ROMA SI PUNTA SU POTENZIALITÀ E TALENTI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

IN UN CONVEGNO ALLA CAMERA. IDO: AUTISTICI HANNO DIVERSA CAPACITÀ SPAZIALE

Roma, 12 gennaio - “Esistono delle potenzialità e dei talenti nell’autismo. Un funzionamento della mente diverso, un pensiero visivo e una capacità spaziale differente rispetto alle persone normotipiche, con delle caratteristiche che in alcuni casi li avvicina alle tipologie artistiche. Il percorso che ha portato Picasso in 80 anni di carriera a decostruire l’immagine per arrivare all’essenza, le persone con autismo lo posseggono naturalmente perché non hanno mai costruito in senso concettuale”. Lo afferma Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), che parlerà di ‘Atipie comportamentali o tipologie artistiche’ al convegno ‘Autismo: un futuro nell’arte. Quando il talento supera la disabilità’, promosso dall’onorevole Paola Binetti lunedì 15 gennaio nella Sala della Regina della Camera dei deputati, in Piazza Montecitorio a Roma a partire dalle ore 14.30.
Per spiegarsi meglio la psicoterapeuta dell’età evolutiva illustrerà il caso di un bambino autistico: “Quando iniziò a disegnare all’età di 7 anni mostrava un disegno stereotipato, e quindi atipico in senso patologico. In seguito sembrò addirittura regredire- racconta Di Renzo- ma in realtà furono le sue difese ad abbassarsi, consentendogli di riprendere un percorso nel quale la sua tipologia sarebbe stata messa al servizio per diventare una produzione artistica. Ha infatti compiuto un percorso evolutivo incredibile e i suoi ultimi disegni sono meravigliosi”.
L’interesse per le produzioni artistiche delle persone con disabilità intellettive (soprattutto di quelle con psicosi piuttosto che con autismo) è relativamente recente. “Partì negli anni ’30- conclude la responsabile dell’IdO- ma le prime mostre risalgono agli anni ’70”.
Al convegno saranno presenti studiosi nazionali ed internazionali, a partire da François Ansermet, psichiatra, psicoanalista e professore dell’Università di Ginevra e Losanna, e nel corso del pomeriggio saranno mostrate le opere dei ragazzi autistici dell’atelier Ultrablu di Roma.

Per partecipare sarà necessario accreditarsi entro il 12 gennaio all’indirizzo binetti.stampa@gmail.com. Si ricorda che è obbligatorio presentare un documento di riconoscimento e, per gli uomini, indossare la giacca.

Per avere tutte le informazioni sull'evento CLICCA QUI

Invia commento comment Commenti (0 inviato)