Privacy Policy politicamentecorretto.com - ALBERTO CALLE A COLLOQUIO CON IL PRESIDENTE PINO RIZZI DI RAGIONE E LIBERTA'

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ALBERTO CALLE A COLLOQUIO CON IL PRESIDENTE PINO RIZZI DI RAGIONE E LIBERTA'

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

Alberto Calle ha incontrato il Presidente PINO RIZZI di Ragione e Libertà, durante il colloquio ha espresso la sua preoccupazione per la legge elettorale, l'opinione del Presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker e le elezioni del 4 marzo.

D - Ho sentito con grande preoccupazione le opinioni di Jean Claude Juncker in cui affermò "Prepariamoci a un governo non operativo in Italia", esprimendo così la sua preoccupazione per l'elezione politica del 4 marzo. Presidente Rizzi qual è il suo pensiero sull'affermazione di Juncker?

R - L'intervento di Juncker è stato uno sgarbo istituzionale ed una vera intrusione nelle questioni di uno Stato della UE. I rappresentanti delle istituzioni europee si devono astenere da ogni interferenza nella campagna elettorale, perché il Popolo Italiano ha tutte le capacità di saper scegliere senza la tutela di "burocrati di Bruxelles".

L'Invito che posso rivolgere a Juncker è quello di battersi per la Costituzione degli "Stati Uniti d'Europa"

D - Ritengo personalmente che la legge elettorale va cambiata è fatta male, non consentirà la stabilità del Paese. Che cosa pensa dell'attuale legge elettorale?

R - Il Rosatellum è una pessima legge elettorale, scritta male, che non permette ai cittadini di poter scegliere il proprio candidato. Questa riforma incrementerà la confusione per la formazione del nuovo governo, se nessuna formazione politica o coalizione supererà il 40% dei voti. Aggiungo, altresì, che questa legge aumenterà sempre più la distanza tra i cittadini elettori e i rappresentanti politici.

D - Quale consiglio può dare agli elettori e quale suggerimento agli indecisi per il 4 marzo?

R - Non osso dare consigli, posso solo ricordare agli Italiani che il voto è un diritto-dovere che deve essere sempre espletato scegliendo il Partito o la coalizione che possa soddisfare maggiormente i propri ideali e programmi. Se fosse stato presente in queste Elezioni il simbolo di Ragione & Libertà con propri candidati capaci, affidabili ed esperti avrei senz'altro suggerito di votare il Movimento Ragione & Libertà come vera alternativa italiana. Speriamo in un futuro migliore per l'Italia e gli Italiani.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)